Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Villa San Donnino

Villa San Donnino

villino Lonardi è conosciuto come il più raffinato caso in Emilia Romagna di interpretazione del gusto secessionista, nonché mirabile esempio di conservazione degli interni con arredi appositamente progettati, solo ricerche più recenti hanno finalmente dipanato il tema relativo il ruolo del centese Aroldo Bonzagni, a cui tutti gli studi sul Liberty italiano hanno assegnato la sola esecuzione del grande apparato decorativo esterno ed interno mentre per l’ideazione della stessa villa erano state avanzate diverse ipotesi.
Grazie alle indagini di Anna Gualdi ora sappiamo con certezza che la villa fu interamente ideata dallo stesso Bonzagni che ottenuto l’incarico da Claudio Sandonnini, figlio del sindaco di Modena e particolare figura di cultore delle auto e dei motori che riassume in sè la passione futurista della velocità e della modernità legato da profonda amicizia a Enzo Ferrari e a Alfieri Maserati, chiama ad affiancarlo per la progettazione l’amico ingegnere Federico Masserotti Benevenuti. Il Benvenuti, così si firmerà nella pratica edilizia conservata negli archivi modenesi, cugino dello stesso Sandonnino, si era trasferito a Milano per frequentare il Politecnico presso cui si diplomò e dove era rimasto a lavorare presso lo studio dell’ing. Achille Manfredini.

 

di Vincenzo Vandelli

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Villa San Donnino
  • Altre denominazioni Villa Lonardi
  • Indirizzo MODENA, via Medicina 25
  • Progettista Arnoldo Bonzagni con ing. Ferdinando Messerotti Benvenuti
  • Committente Tenente Claudio San Donnino
  • Anno/periodo di costruzione 1910-1911
  • Bibliografia

    A. Speziali, Romagna Liberty, Maggioli, Santarcangelo 2012

    www.romagnaliberty.it
    www.villasandonnino.it

< Torna Indietro