Menu Navigazione
Hotel Demidoff

Hotel Demidoff

Come lo sono state le due sculture di Ernesto Bazzaro ai lati dell’ingresso di Palazzo Castiglioni – soggette a dura critica sul Guerrin Meschino – anche l’architettura Liberty dell’hotel Demidoff a distanza di cent’anni è sulla critica pubblica per aver tinteggiato di nero o grigio scuro (a voi il parere) la facciata dell’hotel. Magari tra cinquant’anni – o prima o dopo – sarà oggetto di studi nei libri di Storia dell’Arte. Sopra tutti i pensieri e commenti questo edificio è giusto che trovi spazio nel grande archivio del Liberty italiano con una propria storia e identità.

Il progetto del 1908 è dell’architetto Egidio Corti, autore di Villa Rina a Bergamo e di numerosi edifici a Milano.
Dal sito Digitami da un libro di Ernesto Marini del 1903:
“Nacque a Milano nel 1856. Fu per molti anni all’ estero e seguì gli studi architettonici in Francia e a Zurigo.
Dal 1881 è stabilito a Milano, ove eseguì oltre a trenta costruzioni. Ricordiamo le Case di affitto della Banca Popolare in via S. Paolo, e 1′ Edificio delle Scuderie Bocconi al Rondò di Loreto ; per la Ditta Bocconi progettò pure il fabbricato della Succursale di Napoli. Innalzò lo Stabilimento Tempini a Brescia. Attualmente ha in corso di esecuzione l’ ampliamento e i restauri della Chiesa di Varenna.”

 

Foto di: https://www.flickr.com/photos/137129299@N07/

 

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Hotel Demidoff
  • Altre denominazioni
  • Indirizzo MILANO, Via Plinio 2
  • Progettista Egidio Corti
  • Committente
  • Anno/periodo di costruzione 1908
  • Bibliografia

    A. Speziali, Italian Liberty. Il sogno europeo della grande bellezza, Cartacanta, Forlì 2016

< Torna Indietro