Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Giacomo Diegoli

Giacomo Diegoli

GIACOMO DIEGOLI

(1888 – ?)

 

Al momento non vi è una biografia sull’autore. Puoi contribuire al progetto scientifico contattandoci via mail all’indirizzo info@italialiberty.it

giacomo_diegoli_palazzina_manfredini_italialiberty_immagini_liberty_in_emiliaromagna

Palazzina Baraldi-Manfredini, ora Marchetti, 1912 circa – Ferrara, via Montebello.

Segnalato da Rossana Bossaglia, ilpalazzetto di via Montebello riveste un ruolo parti­ colare nella cultura liberty ferrarese. A ragione è stato associato a Giacomo il fratello Giuseppe, ingegnere e possibile autore dell’impostazione strutturale dell’intero fabbri­ cato. E invece sulla complessa composizione della facciata, dall’aura neomedievale e neorinascimentale, che si dev riconoscere l’intervento del più giovane, ma già noto, Giacomo, che in precedenza, come ricorda lo Scardino, ebbe occasione di partecipare alle esposizioni artistiche locali mostrando interesse a certi revivalismi e formalismi eclet­tici e all’impiego ridondante del decorativismo. Atteggiamento evidenziato poi nelle opere successive che presentano assonanze con lattività progettuale dell’architetto Gino Coppedé (Firenze 1866 – Roma 1927), forse noto al Diegoli attraverso la pubblicistica specializzata. Nella palazzina già Manfredini, (datata al 1905/06, ma in realtà da porre a ridosso del 1912 come ci ha segnalato Anna Maria Fioravanti Baraldi a seguito delle sue recenti ricerche), articolata su tre corpi su cui s’innesta la sopraelevazione a torretta , riemerge la lezione della scuola viennese evidente nell’uso, non pausato, di oggetti, di membra­ ture, di incorniciature, di grigi cementi infiocchettati e inghirlandati se non ddirittu­ ra cesellati e su cui s’introduce il vivace cromatismo degli inserti floreali . E dunque l’uso calibrato di colori, di materiali e di forme monumentali combinate fra loro con una sintassi spesso sconcertante ma non per questo casuale e priva di fascino, che la palazzina risulta uno degli esperimenti più interessanti della Ferrara e dell’Emilia liberty.

 

Contenuto tratto da: M. Pace Marzocchi, G. pesci, V. Vancelli, “Liberty in Emilia”, Artioli stampatore, 1988.; A. Speziali, “Romagna Liberty”, Maggioli editore, 2012.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>