Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Un itinerario Liberty nella Regione Sicilia

Un itinerario Liberty nella Regione Sicilia

L’ultimo itinerario proposto è dedicato al Liberty, stile fiorito in Europa intorno al 1900 nelle arti decorative e in architettura. In Italia è indicato con il termine Liberty dal nome dell’inglese Arthur Liberty, commerciante di oggetti di alta qualità destinati al largo consumo. Allo Stile Liberty nei diversi paesi europei si collegano il Modernismo, l’Art Nouveau, il Jugendstil, il Modern Style, il Secession Stil. Obiettivo fu quello di migliorare esteticamente gli oggetti di uso comune prodotti dalle industrie per allontanare il rischio di banalizzazione della produzione in serie. Altra definizione usata in Italia è Stile floreale, perché la decorazione era costituita da forme stilizzate di fiori. Il maggior esponente italiano fu l’architetto Raimondo D’Aronco che progettò i padiglioni dell’Esposizione Universale di Torino del 1902. Esponente del Modernismo internazionale in Sicilia e in Italia, fu anche E. Basile (Palermo 1857-1932).

PALERMO

Villino Favaloro
Con il progetto di questa Villa, nel 1889, l’architetto Giovan Battista Filippo Basile, dà inizio alla stagione del Liberty palermitano. In seguito il figlio Ernesto la ampliò con una torre con decorazioni di foglie di viti e grappoli d’uva stilizzati.

Villa Florio
Costruita tra il 1899 e il 1900 è un capolavoro in stile Liberty dell’architetto Ernesto Basile.
In origine situata in un bellissimo parco che si estendeva da via Dante a corso Olivuzza, è stata la residenza della famiglia Florio, prestigiosa famiglia della borghesia palermitana d’inizio secolo.

Villa Igiea
In origine casa di cura voluta dalla famiglia Florio, questa costruzione posta sulle pendici del Monte Pellegrino, fu trasformata su progetto di Ernesto Basile, da edificio neogotico a lussuosa residenza in stile Liberty. All’interno delle sale sono presenti affreschi di De Maria Bergler realizzati su disegni dello stesso Basile. Oggi è possibile ammirare i decori floreali e figurativi tipici della nuova arte nel Salone Basile.

Chiosco Ribaudo
Progettato da Ernesto Basile (1916) è un capolavoro del Liberty palermitano costruito sperimentando per la prima volta il cemento armato.

Villino Ida
Costruito (1903-1904) e modificato (1912) da Ernesto Basile, questo edificio a tre livelli che prende il nome dalla moglie dell’architetto, è da considerare tra le opere più pregevoli del liberty italiano.

Villa Malfitano
Villa Malfitano fu edificata per la famiglia Whitaker tra il 1886 e il 1889, su progetto neorinascimentale dall’architetto Ignazio Greco. Interessante la sala denominata “Estate” che appare come un vero e proprio giardino realizzata da Ettore De Maria Bergler. Oggi è sede della Fondazione Whitaker. All’esterno è visitabile uno dei pochi giardini presenti nella città di Palermo.

Capannoni Ducrot o Cantieri culturali della Zisa

Sede industriale della ditta Ducrot che produceva mobili in stile Liberty, oggi è sede dei Cantieri culturali della Zisa.

Lo Stabilimento balneare e i Villini in stile Liberty di Mondello
È oggi il più importante centro balneare della città di Palermo e si estende nella baia compresa tra monte Pellegrino e Monte Gallo. La rinascita di questo borgo marinaro è legata all’accordo del 1909 tra la società italo belga “Les Tramvays de Palerme” e l’amministrazione comunale di Palermo che prevedeva la bonifica dell’area paludosa. Furono costruiti, in sei anni, oltre all’antico Stabilimento, unico tra quelli europei dell’epoca in cemento armato, quasi 300 villini in stile liberty (Villino Tasca, Villino d’Almerita, villino Sofia, villino Barresi, villino Lentini).

Siti da visitare per la provincia di Palermo:
www.palermotourism.com
www.palermo2000.com/turismo
www.aapit.pa.it
www.retesicilia.it/province/basile
www.palermomia.com
www.artnouveau-net.com
www.astropa.unipa.it
www.sicilyland.it/mondello
www.mondellolido.it

TRAPANI

Palazzo Ferrante
Palazzo Ferrante, costruito nel 1908, è un tipico esempio del Liberty trapanese. L’edificio presenta una facciata colorata di verde con aperture con balconi allineati al primo e secondo piano e con eleganti cornici alle finestre, complesse mensole, ferri battuti
nei balconi e preziose ceramiche policrome. Da vedere anche Palazzo Poste e telegrafi e Villa Laura.

Il Molino Excelsior a Valderice
Il Molino Excelsior, oggi testimonianza di archeologia industriale e sede di congressi ed eventi culturali, è stato costruito nel 1904 ed è un esempio degli edifici in stile liberty presenti a Valderice.

Favignana
In quest’isola, la Tonnara Florio, è un esempio dell’ archeologia industriale tipica dello stile liberty.
Siti da visitare per la provincia di Trapani:
www.apt.trapani.it
www.comune.valderice.trapani.it
www.provincia.trapani.it
www.prolocovalderice.it/mulini

RAGUSA

Palazzo Bruno di Belmonte ad Ispica
Palazzo in stile liberty dalle dimensioni imponenti è oggi la sede del Municipio. Fu progettato e realizzato dall’architetto palermitano Ernesto Basile.

Palazzo Piazzese a Vittoria
Oggi grosso centro agricolo, questa città che ha pochi monumenti di importanza storica, presenta sia nelle facciate delle abitazioni signorili sia in quelle più modeste un diffuso stile liberty. Da ricordare Palazzo Piazzese, con sculture in stile liberty nella facciata.

Il Liberty di Pozzallo oltre ad essere una località turistica, presenta alcuni monumenti di interesse artistico. Daricordare palazzo Musso, del 1926, con elementi in stile liberty.
Siti da visitare per la provincia di Ragusa:
www.ragusaturismo.it
www.sicilia.indettaglio.it/ita/comuni/rg
www.sicilyweb.com/pozzallo/
www.conteadimodica.com

ENNA

Palazzo Militello ad Enna
Palazzo Militello è un esempio dello stile Liberty nella città di Enna. Costruito nel 1932 al posto di un antico giardino su un progetto dell’ ing. Panvini, il disegno dell’ornato è legato alla scuola palermitana del Basile. Tra gli artisti decoratori Salvatore e Biagio Gregorietti.
Siti da visitare per la provincia di Enna:
www.apt-enna.com
www.vivienna.it
AGRIGENTO

Il Liberty di Licata
Anche a Licata l’affermarsi dello stile Liberty è associato alla classe borghese, cioè a famiglie ricche che vollero promuovere la costruzione di dimore e ville signorili. Da ricordare la villa Sapio (1902), Villa Urso (1907), la villa Verderame (oggi Bosa) del 1916 ma anche edifici cittadini come casa Re-Grillo, Palazzo di Roberto Verderame e Palazzo Vitello. L’architetto Basile fu incaricato di progettare la bella torre dell’orologio civico.

Villa Maria a Casteltermini
Villa Maria, in contrada Borgesi località Casteltermini , è una casa signorile, costruitaintorno al 1800 e circondata da un meraviglioso parco, che nel ‘900 ha acquisito un aspetto tipico dello stile Liberty. Alla sua progettazione ha lavorato anche l’architetto Ernesto Basile. Annessa alla villa, la cappella presenta anch’essa uno stile misto liberty e moresco.
Siti da visitare per la provincia di Agrigento:
www.agrigentoweb.it/aapit
www.cooppenelope.it/castelterm

CATANIA

Le Raffinerie di Zolfo a Catania
Il Liberty in Italia e in Sicilia, benché legato sempre all’industria, si diffuse in una fase successiva rispetto a quella del movimento europeo. A Catania, seconda città d’Italia all’inizio del secolo, i primi edifici di stile industriale furono le raffinerie dello zolfo. Nella città tantissimi furono i decoratori e gli artigiani e il liberty catanese fu influenzato dall’architetto Ernesto Basile.

Palazzo Manganelli a Catania
Palazzo in stile liberty progettato da Ernesto Basile in cui furono girate alcune scene del Gattopardo di Luchino Visconti.

Teatro Sangiorgi a Catania
Fu l’imprenditore Mario Sangiorgi a diffondere lo stile liberty nella città di Catania realizzando un complesso costituito da un teatro, un café, un albergo e un ristorante. Alla realizzazione dell’edificio lavorarono l’arch. Giuffrida, il decoratore Florio e il pittore decoratore Salvatore De Gregorio.

Palazzo Morano e gli altri edifici in stile liberty di Catania
Palazzo Morano, progettato dall’architetto Tommaso Malerba, è decorato nella facciatacon maschere femminili e motivi floreali. Dello stesso architetto: il Palazzo di Piazza Duca di Camastra, il Palazzotto di Via Carmelo Abate e il Negozio Filangeri. È invece di Carmelo Malerba Villa Ardizzone , sicuramente una delle costruzioni più belle del liberty catanese. Da non dimenticare Palazzo Rosa, voluto dall’ingegner Fabio Maiorana, padre del fisico Ettore. Si caratterizza per il colore roseo della facciata esaltato dal sole in alcuni momenti della giornata.

Officine Elettroniche di Caltagirone
Situato nell’area dell’antico monastero di Santa Chiara, questo edificio fu edificato nel 1907 su progetto di Ernesto Basile ed è uno degli esempi più interessanti del Liberty regionale.

Palazzo Municipale ed altri edifici a Caltagirone
Il Palazzo Municipale è un edificio costruito nel XIX sec. L’esterno è a tre ordini e la parte posteriore è in stile liberty. Sempre in stile Liberty il Palazzo Poste e telegrafi, Casa Amico,

Palazzo Magnolia e Casa quattro Stagioni di S. Fragapane.
Chiesa di S. Giuliano a Caltagirone
Di epoca normanna, distrutta dal terremoto del 1693 e ricostruita, presenta il prospetto, progettato dall’architetto Fragapane, in stile liberty.
Siti da visitare per la provincia di Catania:
www.turismo.catania.it
www.apt.catania.it
www.comune.caltagirone.ct.it
www.cormorano.net/catania/arte/liberty

MESSINA

Ville e Palazzi Liberty a Messina
Distrutta totalmente dal sisma del 1908, la ricostruzione è stata considerata a lungo espressione di un’arte minore, oggi rivalutata, il Liberty. Nomi importanti tra gli architetti che in quel periodo lavorarono a Messina: Basile, Coppedè, Piacentini. Gli edifici in stile liberty della città sono: Villa Garner realizzata dall’architetto Santacaterina nel 1903 in tipico stile del Liberty floreale, Villa Martines o villino delle delle Rondini, con ceramiche rappresentanti le rondini che decorano la facciata anteriore esterna ed ancora, il Palazzo della Dogana, il Palazzo del Governo di C. Bazzani, l’edificio della Cassa del Risparmio opera di Ernesto Basile, il Cimitero Monumentale e il Palazzo della Prefettura.

Villino Greco e Villa Vaccarino a Milazzo
Situati nell’antico quartiere marinaro di Vaccarella rappresentano due notevoli testimonianze del Liberty siciliano. Villino Greco presenta delle decorazioni floreali e motivi zoomorfi, Villa Vaccarino è oggi sede della Pretura di Milazzo.
Siti da visitare per la provincia di Messina:
www.azienturismomessina.it
www.tribunalemessina.it/storia/messina.htm
www.comune.milazzo.me.it

 

Testo elaborato da Francesca M. Pergolizzi ed Eliana Marino – Progetto “Lettera”, Asse II – Misura 2.04, realizzato da MCG Manager Consulting
Group soc. coop. a r.l. in partenariato con l’Aapit di Palermo e la For.Man. s.r.l. – www.culturasicilia.it

Modulo di contatto

  • Richiedi informazioni in merito ai tour Liberty guigati e itinerari esclusivi in Italia e estero. Con l'associazione Italia Liberty sei alla scoperta di siti di raro accesso e esperienze Urbex.

 

Codice di sicurezza

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>