Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Villino Arcodaci

Villino Arcodaci

Di on apr 24, 2015 in |

Il villino Foti-Arcodaci, in stile Liberty, fu fatto edificare nel 1911 dal Barone messinese Ignazio Foti su progetto dell’Ingegnere G. Ravidà, del quale i documenti d’archivio non rivelano altre opere sul territorio. Sorge all’incrocio tra la via Operai e la via Roma, in quello che rappresenta uno dei punti nodali della città, ed è l’unico rimastoci di una serie di villini previsti ai margini della via Roma. Lo schema compositivo di questo edificio, suggerisce una giustapposizione di volumi semplici che nella loro accentuata geometricità danno forte risalto all’asse centrale.

Il villino ha pianta leggermente trapezoidale con i prospetti principali perfettamente paralleli rispettivamente alla via Roma ed alla via Operai. All’esterno ha un marcato sviluppo orizzontale sottolineato da un coronamento aggettante scandito da beccatelli in legno ed interrotto, nella parte centrale, da due alti e sporgenti pilastri con decorazione floreale che incorniciano e sottolineano gli ingressi. Questi ultimi sono ulteriormente definiti da pensiline in ferro battuto sulle quali, originariamente, erano inseriti dei vetri colorati. Sulle due facciate principali sono presenti elementi decorativi tipici dell’Art Nouveau come la linea ondulata del cornicione, le decorazioni floreali, le cornici di porte e finestre e l’elegante zoccolo di base, trattato plasticamente con scanalature orizzontali. L’edificio è coperto da un tetto a padiglione con manto di tegole alla francese di tipo piano culminante in un’altana con copertura a pagoda.


La recinzione, così come la cancellata in ferro battuto, si deve all’estro dell’artigiano locale Giovanni Cutrupia, conosciuto come “Giovanni u Palummu” che risulta essere attivo in tutta la provincia nei primi anni del secolo. Sfortunatamente questa pregevole opera è stata in gran parte rimossa durante il periodo fascista per donarla alla patria, e sostituita infine con una semplice rete metallica.
Internamente le stanze sono disposte intorno ad un disimpegno centrale dal quale una piccola scala in legno porta alla soffitta. Tutte le camere, realizzate con controsoffittatura in volta a schifo, avevano i soffitti dipinti. Questi ultimi, a causa della mancata manutenzione del tetto, sono in gran parte crollati, e solo nel 2007 la Soprintendenza di Messina ha provveduto allo stacco di quelli rimanenti a fine conservativo.
Nel 2008, in seguito allo stacco delle volte, si è proceduto anche alla ricostruzione del tetto così da mettere in sicurezza l’edificio, e nel 2010 è iniziato il restauro, in corso di completamento.

Marcello Crinò
Coordinatore Genius Loci

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Villino Arcodaci
  • Altre denominazioni
  • Indirizzo BARCELLONA POZZO DI GOTTO, angolo via Operai e Via Roma
  • Progettista Ingegnere G. Ravidà
  • Committente Ignazio Foti
  • Anno/periodo di costruzione 1910
  • Bibliografia

< Torna Indietro