Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Villa Laeta Domus

Villa Laeta Domus

Un altro villino di Riccione degno di interesse, di cui rimangono solo le fotografie dell’esterno e le planimetrie conservate dal collezionista riccionese Maestri, è villa Domus Laeta. La dimora, di ampie dimensioni, era ubicata sul Lungomare e apparteneva alla numerosa famiglia milanese Piva, proprietari della  Vecchia Fornace che, eretta nel 1908 con un forno Hoffmann per la produzione a ciclo continuo di laterizi, ha dato lavoro a centinaia di riccionesi fino al 1970, per poi diventare un deposito per materiale edilizio. La villa era il buenritiro per le vacanze estive. Nel corso degli anni la struttura fu adibita a pensione e successivamente, nel 1956, venne acquistata da Leardini Domenico e da Tentoni Dino, quali nel ‘62 la demolirono per fare spazio a due hotel: il Lungomare (di proprietà di Leardini Vincenzo) e il Mon Cheri, che conserva ancora le pigne originarie della villa Domus Laeta, poste ai lati del cancello d’ingresso su viale Milano. I coppi con il marchio della fabbrica Piva sono stati utilizzati per la locanda‘’i girasoli’’ a Misano Adriatico. Erano gli anni del boom economico a Riccione e tante belle ville vennero polverizzate per fare spazio agli hotel, per favorire l’incremento del turismo.

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Villa Laeta Domus
  • Altre denominazioni
  • Indirizzo RICCIONE, Lungomare
  • Progettista
  • Committente Famiglia Piva
  • Anno/periodo di costruzione 1921
  • Bibliografia

    A. Speziali, "Una stagione del Liberty a Riccione", Maggioli, Santarcangelo 2010
    A. Speziali, "Romagna Liberty", Maggioli, Santarcangelo 2012
    Riccione in villa

< Torna Indietro