Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Villa Castelli Montano

Villa Castelli Montano

Di on ago 3, 2015 in |

La villa Castelli-Montano, posta all’inizio di viale dello Splendore ed edificata tra il 1910 e il 1918, è caratterizzata da una torre d’angolo che, con le sue ampie vetrate decorate, conferisce all’architettura della casa carattere di pregio e singolarità per il richiamo di queste strutture con gli elementi a torre dei castelli, riproponendo una tipologia di chiara derivazione toscana diffusa anche lungo il litorale adriatico. Di impianto asimmetrico, sia nella pianta che nella composizione dei prospetti, la villa si sviluppa su un piano seminterrato più due livelli, in cui si distribuiscono varie aperture di altrettanto varia tipologia: loggiati con colonnine, finestre bipartite e tripartite e, nella esclusiva torretta, finestroni circolari. Il tutto è ornato con i più variegati e raffinati decori: a stucco e dipinti con temi di natura floreale e a strisce. L’autore delle decorazioni è Adolfo De Carolis. Grazie ad un erede sono state rinvenute le lastre fotografiche del villino durante la costruzione.

 

 

Il liberty penetra a Giulianova nel primo decennio del 900, col decollo turistico della città. Esempi interessanti di questo nuovo gusto si hanno con la villa ex-De Santis in viale dello Splendore a Giulianova alta, costruita tra il 1923 ed il 1928 su progetto del romano Achille Petrignani, ricca di stucchi, di una bella vetrata policroma e di una splendida ringhiera in ferro battuto opera del guardiese Felice Scioli, che forse apriva nel settore le porte dell’art deco. A poca distanza la villa Castelli, oggi Montano, realizzata nel 1909, oltre a caratterizzarsi come il primo edificio della zona in cui vengono realizzati solai in cemento armato, costituisce un’ottima espressione di quella tipologia di chiara derivazione toscana, dato l’impiego della torretta che conferisce particolare signorilità alla costruzione. Il villino per Lorenzo Paris (oggi Costantini), prospiciente il lungomare Zara al Lido, viene realizzato nel 1904 su progetto del teramano Silvio Gambini, operante prevalentemente in ambiente lombardo a contatto con architetti del calibro di Sommaruga e Basile, ed esponente non trascurabile del modernismo italiano, Il piccolo edificio presenta due volumi, corpo orizzontale e torre, alleggeriti da una loggia sommitale, delimitata da una balaustra in pietra bianca di Manoppello accuratamente lavorata, e da un portico, con balaustrina traforata e sorretto da esili colonne in pietra, che creano zone d’ombra sulle nitide superfici. Proprio in queste Forme leggere e raffinate si riscontra la vera peculiarità dell’edificio. Altre ville, in viale Orsini e sul lungomare nord, ed il grandioso Kursaal, realizzato tra il 1911 ed il 1928, rendono Giulianova una delle località abruzzesi in cui maggiormente ebbero modo di manifestarsi gli attributi emergenti della nuova cultura.”

(Tratto da: www.cisargiulianova.it)

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Villa Castelli Montano
  • Altre denominazioni
  • Indirizzo GIULIANOVA, viale dello Splendore 16
  • Progettista
  • Committente
  • Anno/periodo di costruzione 1910-1918
  • Bibliografia

    A. Speziali, Diletto e Armonia. Villeggiature marine Liberty, La Pieve, pesaro 2015

< Torna Indietro