Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Palazzo Todde

Palazzo Todde

Palazzo Todde svettante e colorato rispetto al tessuto urbano circostante, è stato il primo edificio ad essere apprezzato dai nostri visitatori. Posizionato ad angolo con un ampio prospetto articolato su tre livelli, diviso in campate uguali da sei lesene bugnate al piano terra che ne esaltano la verticalità e decorato con splendidi volti in terracotta, Palazzo Todde ha rapito lo sguardo dei nostri numerosi visitatori. Ma è stato soprattutto lo stenditoio coperto e affrescato dell’ultimo ordine -nonostante la quasi totale perdita del dipinto- a incuriosire maggiormente le persone, spiazzate da una soluzione artistico-architettonica così ardita. Recentemente e  coscienziosamente restaurato, il palazzo può ancora risplendere nella sua bellezza d’altri tempi, e costituisce uno ottimo esempio dell’architettura liberty quartese.

L’edificio, in posizione d’angolo con un ampio prospetto articolato su tre livelli, costituisce uno splendido esempio dell’architettura liberty ampiamente diffusa nel Campidano di Cagliari a partire dai primi anni del XX secolo e fino agli anni quaranta. Il prospetto è diviso in campate uguali da sei lesene bugnate al piano terra, lisce e decorate in cotto che, all’ultimo piano, proseguono come pilastrini sui quali poggia il solaio di copertura, lasciando libero un ampio stenditoio coperto. Ogni campata presenta al piano terra un vano di ingresso con architrave decorata con elementi in cotto, al primo piano un balcone su ampie mensole con balaustra in cotto traforato tra colonnine in calcestruzzo la cui apertura è arricchita da stipiti, archi e mascheroni figurati in cotto.

3423740820_1c03397a36_b

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Palazzo Todde
  • Altre denominazioni
  • Indirizzo QUARTU SANT'ELENA, via V.Emanuele 173-177
  • Progettista
  • Committente
  • Anno/periodo di costruzione
  • Bibliografia

    www.quartourismo.com

< Torna Indietro