Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Palazzo Scalas

Palazzo Scalas

Di on nov 3, 2018 in |

Palazzo Scalas, strutturato su due livelli e con la sua colorazione rosastra. Protagonisti sono nuovamente i fregi floreali, le splendide teste femminili e i caratteristici balconi con ringhiere in ferro battuto. Costruito nell’ultimo decennio del 1800 da Felice Maxia, già proprietario delle omonime fornaci, venne successivamente ridecorato dagli eredi secondo fogge e modelli propri dell’Art Nouveau.


A cavallo tra il 1800 ed il 1900 iniziò ad affermarsi nella città di Quartu Sant’Elena una ricca classe borghese formata da proprietari terrieri, industriali, commercianti e professionisti. A tutti loro stava fortemente a cuore esternare il proprio status sociale attraverso la realizzazione o l’arricchimento delle proprie abitazioni con elementi decorativi di grande rilievo, assai in contrasto con l’architettura tradizionale sarda. È in questo periodo, infatti, che, accanto alle case campidanesi, caratterizzate da una disposizione “a corte” e da alti muri ciechi fronte strada (la cui unica decorazione esterna era rappresentata da importanti portali
o da pochi elementi scolpiti nelle chiavi dell’arco del portale stesso), sorgono numerose palazzine in stile contraddistinte, invece, da una struttura architettonica direttamente prospiciente sul fronte strada e dalle facciate riccamente decorate con fregi floreali e motivi curvilinei, accanto ad altre decorazioni di stile geometrico più vicino all’art decò del successivo periodo. Tra le numerose abitazioni del periodo, riveste particolare importanza il Palazzo Scalas, sito tra via Marconi e via Cavour, costruito nell’ultimo decennio del 1800 da Felice Maxia, già proprietario delle omonime fornaci e successivamente ridecorato dagli eredi secondo fogge e modelli propri dell’art nouveau. Palazzo Scalas è un palazzotto in stile tardo liberty strutturato su due livelli, la cui facciata è caratterizzata da elementi decorativi rappresentanti figure femminili e fregi floreali posti sopra ogni apertura e nella chiave dell’arco aggettante l’ingresso principale, nonché dal disegno delle ringhiere in ferro battuto posto a protezione delle portefinestre del primo piano. Attualmente è adibito a sede di un asilo per l’infanzia.

Scheda tecnica

  • Denominazione ricorrente Palazzo Scalas
  • Altre denominazioni
  • Indirizzo QUARTU SANT'ELENA, via Marconi 374
  • Progettista Felice Maxia
  • Committente
  • Anno/periodo di costruzione
  • Bibliografia

    monumentiaperti.com

< Torna Indietro