Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Orazio Toschi

Orazio Toschi

ORAZIO TOSCHI
(1887 – 1972)

Nato a Lugo, frequenta a Faenza il Ginnasio e la Scuola di Arti e Mestieri di Faenza di Anto­nio Berti, conoscendo gli artisti del Cenacolo baccariniano. Nel 1906 si diploma all’Accade­mia di Belle Arti di Ravenna e inizia a insegna­re presso le scuole medie inferiori, incarico che lo porterà a viaggiare per l’Italia. Nel 1908 viene premiato all’Esposizione Torricelliana. Il suo stile risente di diversi influssi (Simbolismo, Divisionismo, Secessione), articolato in una dimensione strettamente lirica che, per un pe­riodo importante, trova massima espressione nel bianco e nero. Come si evince nelle opere in mostra (Re Enzo, cat. 95, ma soprattutto nella Bella dormiente, cat. 96), il cui debito legato alla matrice preraffaellita è manifesto, con ambientazioni in stile medievale e neori­nascimentale, con una tecnica segnica divisio­nista molto attenta e studiata. Dal 1916 espo­ne con assiduità alle mostre bolognesi della Società Francesco Francia; nel 1918 tiene una personale a Roma; nel 1919 partecipa, su invito di Marinetti, alla mostra futurista di Milano. Dal 1920 è presente in diverse occasioni naziona­li (Biennali veneziane, Quadriennali romane, Triennali milanesi) con sue opere di definito realismo magico. Nel 1921 pubblica lo scritto teorico Pittura lirica (ristampato nel 1932), in cui afferma una visione spirituale e intimista dell’arte e dell’artista. Dal 1938 si trasferisce in Toscana (Arezzo, Pistoia, Firenze), dove si spegne nel capoluogo fiorentino nel 1972.

orazio toschi

BIBLIOGRAFIA: F. Sapori, Artisti in Romagna. Do­menico Baccarini e il suo cenacolo, Faenza, 1928; Orazio Toschi (1887-1972), a cura di O. Ghetti Bal­di, catalogo della mostra (Lugo, Palazzo Trisi), Casalecchio di Reno, 1982; Orazio Toschi: archivio storico e bibliografico, Firenze 1994; Orazio To­schi 1887-1972, a cura di C. Daddi Pistolesi, Fa­enza 1996; Orazio Toschi. La nuvola e il pastore, presentazione di U. Baldini, catalogo della mostra (Firenze, Accademia di Belle Arti), Faenza, 1998; Art Nouveau a Faenza, catalogo della mostra (Faenza, MIC), Electa, Milano 2007. Testo tratto da: Aa. Vv. Liberty, uno stile per l’Italia moderna, Silvana editoriale, Cinisello Balsamo 2012

Claudia Casale

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>