Menu Navigazione
Luigi Secchi

Luigi Secchi

LUIGI SECCHI
(1853 – 1921)

A bottega presso lo scultore Pietro Magni e allievo di Francesco Barzaghi all’Accade­mia braidense, Secchi assimilò inizialmente la lezione di questi maestri, attivi nell’am­bito della scultura monumentale milanese, realizzando opere improntate ai modi di un moderato realismo, non esente da un cer­to pathos romantico. Nel 1881, come allievo dell’accademia, vinse il premio del Pensiona­to Oggioni con l’opera Il suonatore di oca­rina, una scultura di scugnizzo ignudo, che, pur nel soggetto di genere, rivela uno studio accurato del dato naturale e l’interesse per il modello di cui descrive connotati e tem­peramento. Alla fine del secolo risale il mo­numento a Parini, scultura storicista, inau­gurata il 26 novembre 1899 in occasione del centenario della scomparsa dell’intellettuale settecentesco.

DSC_0196

A un morbido naturalismo plastico, venato di sensualità, non immemo­re della lezione canoviana e di alcuni sug­gerimenti da opere di Hayez, ma neppure esente da contaminazioni del nuovo stile, sono improntate invece le sculture elabora­te nei primi decenni del secolo, per tombe al cimitero Monumentale di Milano, come il monumento funerario Dall’Ovo, di cui La Me­ditazione presentata in mostra è un particolare replicato in marmo in dimen­sione minore che, nella postura languida, nel sottile erotismo dello sguardo abbassato e nell’eleganza dei panneggiamenti che ne sottolineano le forme rivela la sua adesione a suggestioni moderniste. In ambito pubblico, intorno al 1905 un suo bassorilievo raffigurante Umberto I a cavallo fu collocato sulla torre del Filarete del Castel­lo Sforzesco di Milano, ricostruita da Luca Beltrami, e, nel 1913, in occasione del primo centenario della nascita di Giuseppe Verdi, trovò luogo al centro della piazza dedicata al maestro a Busseto il monumento che raffi­gura il celebre musicista quietamente seduto in poltrona, lontano da ogni enfasi celebrati-va e retorica.

BIBLIOGRAFIA: L. Beltrami, Luigi Secchi: 1853­1921, Bergamo 1923; L. Caramel, C. Pirovano, Galleria d’Arte Moderna. Opere dell’Ottocento, Electa, Milano 1975; A. Bellini, Schizzi per il mo­numento all’aviatore: Geo Chavez, in “Oscellana”, Domodossola 2010. Testo tratto da: Aa. Vv. Liberty, uno stile per l’Italia moderna, Silvana editoriale, Cinisello Balsamo 2012.

Giulio Sommariva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>