Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Arte Liberty a Riccione nell’ex hotel Montparnasse

Arte Liberty a Riccione nell’ex hotel Montparnasse

Di on set 23, 2013 in Regione Emilia-Romagna | 1 commento

Quante volte siamo passati per viale Ceccarini a osservare negozi e fare acquisti…!

Nel centenario viale, agli albori chiamato “la viola’’, forse però l’attenzione si è concentrata sulle vetrine e ha tralasciato un edificio di grande importanza artistica che troviamo ai n° 13, 15, 17, 19. Si tratta dell’ex hotel Montparnasse, che prende il nome dal cinquantatreesimo noto quartiere parigino.

hotel montparnasse liberty riccione
I proprietari diedero l’incarico a quattro artisti torinesi di decorare l’edificio nel nuovo stile moderno: il Liberty, uno stile che a Riccione si diffuse notevolmente sia nei villini a mare che nei fabbricati nella zona paese, come il balconcino ad angolo sopra il bar Asly. La monografia ‘’Una Stagione del Liberty a Riccione’’ (Maggioli 2010) assieme al sito www.riccioneinvilla.it può raccontare meglio la vicenda dell’arte Liberty nella Perla verde dell’Adriatico anche attraverso un itinerario nelle ville della città.

 

20130829_235154Le cartoline di viale Ceccarini dagli anni ’20 a oggi mostrano la storia di questo edificio che ospitò la prima autorimessa della città, di proprietà della famiglia Cicchetti, fino all’ampliamento dell’attuale hotel Alaska.
Nelle cartoline si può riconoscere anche il villino a fianco, dove oggi vi è la boutique Ferretti, ex Fantini. Anche questo villino conserva ancora bassorilievi Liberty. Si può definire uno dei pochi, se non l’unico tratto del viale rimasto come all’origine.

 

viale ceccarini riccione

 

Se del piccolo Hotel Montparnasse oggi rimane una traccia, seppure piccola, è grazie alla signora Elisabetta Cicchetti, sensibile alla storia dell’edificio. L’attuale proprietaria dell’immobile un paio di anni fa progettò la ristrutturazione e riqualificazione della struttura con un restauro a firma dell’architetto Andrea Matteoni per far spazio a un luogo di cultura, una galleria d’arte, e all’associazione Cicchetti Fontanesi Pantaleoni Onlus. Tale istituzione nasce con l’intento di Elisabetta di celebrare i cognomi della sua famiglia.

Con questo articolo si è scelto assieme alla sig. Cicchetti, su mia proposta, di battezzare la location ‘’Galleria Montparnasse’’, cioè con il nome dell’ex hotel che ancora si può leggere su un angolo del tetto, nella scritta con caratteri tipografici ispirati allo stile orientale, in voga all’epoca,.

In passato la struttura ospitò un hotel, la discoteca ‘’Ciukeba’’, una libreria, e attualmente un negozio di profumi al piano terra.
Nel 1977, nell’allora ‘’Ciukeba Club’’ venne indetto il Concorso “Premio Pantaleone”, il cui I° Premio per le arti grafiche  fu attribuito all’artista urbinate Giorgio Focarini.

Già quando fu edificata la palazzina era sede di incontri culturali, una tradizione che si riscopre solo ora.

hotel liberty riccione
Non abbandono l’ipotesi che fosse proprio questa la sede che ospitò una mostra di pittura inaugurata il 30 agosto del 1923 con la presenza del futurista Filippo Tommaso Marinetti assieme all’amico Mirko Vucetich, che attorno a quegli anni progettò due villini (Lampo e Antolini). E’ possibile che chi affrescò l’edificio partecipò a tale mostra, proprio perché già una cartolina del 1927, edita da Irmo Barilari, mostra le decorazioni esterne.

20130829_23435120130829_234525Il progetto di recuperare oggi nello stesso edificio la medesima funzione di spazio espositivo è dunque particolarmente interessante: non sarà uno spazio grande come quello delle più note ville Mussolini e Franceschi, ma sicuramente è una location ben progettata e più moderna, la cui gestione non fa capo a un funzionario comunale, condizionato da scelte politiche e di bilancio pubblico, ma a un’ associazione privata che ha l’intenzione di dare impulso alla vita culturale di Riccione e promuovere giovani artisti, cosa in cui la pubblica amministrazione è stata carente. Un elogio quindi al privato cittadino che ha segnato un punto in più per la città.

Andrea Speziali

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

    1 Commento

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>