Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
ITALIAN LIBERTY

ITALIAN LIBERTY

PAGINA UFFICIALE QUI

Come nasce

Il progetto, ideato e curato da Andrea Speziali ha origine da un percorso nato nel 2010 con la pubblicazione di A. Speziali, “Una Stagione del Liberty a Riccione“, Maggioli Ed, in cui l’autore considera per la prima volta l’aspetto dello stile Liberty a Riccione principalmente nell’architettura della cittadina balneare, studiando il caso di villa Antolini, villino del 1923 progettato dell’architetto di origini dalmate Mirko Vucetich (Bologna 1898 – Vicenza 1975), oltre a dimore come la Pensione Florence, la cui committenza aveva origini ebraiche, o villa Emilia dell’Ing. Silvio Avondo, la cui foto dell’abitazione fu pubblicata nella rivista “La Casa”, di Novissima 1908, e risultò vincitrice del concorso fotografico.

Successivamente alla pubblicazione del suo libro, Speziali il 27 luglio 2011, nella cornice del Palazzo del Turismo di Riccione, ha presentato il progetto “Romagna Liberty” teso alla valorizzazione dello stile Liberty declinato con varie coloriture in alcuni edifici sia della riviera romagnola, come villa Pospisil agli inizi di Cattolica, che dell’interno, come il giardino d’infanzia Romeo Galli (stando alle mappe geografiche, del primo ‘900)a Imola.

La prima mostra, a Riccione, presso l’Hotel de la ville, edificio puramente Liberty degna cornice dell’evento, ha presentato anche alcune ville esempio significativo di Liberty nell’Emilia, specie a Bologna, per avvalorare il fatto che le famiglie di villeggianti della ricca borghesia provenissero maggiormente dall’Emilia. Si è svolta quindi un’indagine sugli stili che legano i vari architetti e sulle influenze stilistiche che si sono mosse dall’Emilia alla Romagna attraverso le mode, la committenza e i progettisti.
Con la mostra successiva, tenutasi presso il XV Salone dei Beni e delle attività Culturali e del restauro a Venezia, la realtà del Liberty, poco considerata negli ultimi anni, ha iniziato a rivalutarsi.

Il successo ottenuto ha suggerito al curatore della mostra, Andrea Speziali, l’idea di un concorso fotografico per riavviare, dopo tanti anni dalle pubblicazioni di Lara Vinca Masini (uno dei membri del comitato tecnico-scientifico della mostra “Romagna Liberty”), la ricerca sul Liberty, principalmente nell’architettura, sul vasto territorio italiano.

 

Il logo ”Italian Liberty”

Il logo proposto al progetto è stato progettato, realizzato e registrato presso la Camera di Commercio. La proprietà intellettuale rimane di Andrea Speziali.
Come spiega il giovane progettista riccionese, il logo è stato progettato con un carattere tipografico del periodo; il ”Chelsea Studio” con una foto della facciata del Grand Hotel Rimini come pattern per colorare il carattere.


Il progetto

Il progetto si sviluppa con la collaborazione di enti, pubbliche amministrazioni, singoli cittadini interessati a sostenerlo.

Pagina Facebook ufficiale del progetto principale: www.facebook.com/ItaliaLiberty
Pagina Facebook ufficaile di ”Italian Liberty”: www.facebook.com/ItalianLiberty

Chiunque avesse informazioni, fotografie, cartoline, fonti su ville o altre tipologie di residenze storiche del fine ‘800 e primi ‘900 che si inseriscono nel periodo del Liberty, può contribuire al progetto, o meglio alla fase iniziale della ricerca.

Grazie a questa iniziativa si può rivivere, assaporare, attraverso cartoline e foto d’epoca, il paesaggio urbano di fine ‘800 e primi ‘900. Le fotografie, i video dei gioielli architettonici Liberty possono mostrarci quanto sia cambiato lo stile nel corso degli anni.

Ovviamente coloro che daranno un valido contributo al progetto ‘’Italia Liberty’’ o ”Italian Liberty” verranno citati e tale elenco di collaborazioni verrà edito inizialmente online, poi con le varie pubblicazioni.

‘’Italia Liberty’’ aiuta anche gli studiosi interessati all’argomento, mettendo a loro disposizione una pagina nel sito web con un elenco di pubblicazioni utili, la maggior parte delle quali riguardano Liberty-Art Nouveau-Jugendstil e possono essere richieste in prestito o addirittura in acquisto.

Se ci sono in previsioni mostre, conferenze, pubblicazioni sul tema ‘’Italia Liberty”, verranno segnalate sul portale; l’informazione  può arrivare anche via mail, tramite servizio newsletter.

All’interno della cornice di ”Italia Liberty” ci sono progetti e manifestazioni come ”Adriatico Liberty”, ”Tirreno Liberty”, ”Romagna Liberty”, ”Trieste Liberty”, ”La Spezia Liberty” di fama nazionale o regionale.

”Italia Liberty” racchiude anche due itinerari Liberty; il primo sugli hotel della Belle Epoque in Italia, già avviato con la prima visita guidata sabato 12 gennaio 2013 presso il Grand Hotel di Rimini, uno dei massimi esempi di architettura Liberty in Romagna progettato dai fratelli Somazzi; il secondo itinerario Liberty nelle ville italiane.

 

Gli obbiettivi di ITALIA LIBERTY

L’obbiettivo di tale progetto è,  una volta terminate le ricerche, la realizzazione di  un’importante e pregiata collana editoriale curata da Andrea Speziali che comprenderà una serie di volumi suddivisi per Regioni. Ogni singola pubblicazione conterrà documenti iconografici accompagnati da saggi scientifici, configurati come una sorta di guida attraverso ville e giardini Liberty delle province e principali città delle varie regioni, dove lo stile Liberty si è maggiormente diffuso nell’architettura. L’opera pubblicata da Maggioli a maggio 2012: ”Romagna Liberty” traccia il primo numero della collana editoriale.

Se ad esempio consideriamo la Regione Marche, non potranno mancare le ville nel pesarese: ‘’Pesaro Liberty’’ ha villa Ruggeri (1902-1907), progettata da Giuseppe Brega, come suo emblema; se consideriamo l’Umbria, meritano un posto d’onore le pregiate dimore in Provincia di Perugia, come le ville Liberty nella città di Foligno.

Lo scopo del progetto è anche quello di rivalutare questo stile sia nell’architettura che nell’arte e nella grafica, dove in particolare non si può  tralasciare l’opera  di Alfonse Mucha con i suoi manifesti, quando si studia la storia della tipografia.

 

Come posso fare per contribuire?

Potete contattarci via mail a info@italialiberty.it
Contatti con il curatore Andrea Speziali: info@andreaspeziali.it – www.andreaspeziali.it

Per allegati:
Se avete foto di grandi dimensioni si prega di inviarne una alla volta inserendo nell’oggetto: REGIONE, PROVINCIA, CITTA’, Nome edificio, viale

Se avete video o molti file potete richiedere gli accessi per l’FTP o per la Jumbomail con libero.it

Salva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Trackbacks/Pingbacks

  1. Concorso fotografico ”ITALY LIBERTY” | italia liberty - [...] Liberty) in collaborazione con lo studio Aitm Art di Torino, nell’ambito del progetto ‘‘Italian Liberty’’ sotto la direzione artistica …

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>