Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Il Liberty alla Spezia: Villa Marmori

Il Liberty alla Spezia: Villa Marmori

Di on set 27, 2012 in Regione Liguria | 0 commenti

La città antica, dominata dalla mole della fortezza di San Giorgio, la città ottocentesca e dell’Arsenale, la città delle grazie liberty e delle vertigini futuriste. Il Novecento dota la Spezia di un’altra anima, regalando al visitatore di oggi un campionario di tutto rispetto delle tendenze artistiche della prima metà del XX secolo.
Ben si legge questa orma nelle porzioni più elevate della città, nelle circonvallazioni a monte per inevitabile elezione destinate principalmente ad uso residenziale, ma anche negli edifici pubblici, dove spesso la “civicità” si esprime con linguaggio intenso ed emozionato. Emblematiche a questo proposito piazza Verdi e la zona contermine, dove sembra felicemente concentrarsi questo volto della città. Sulla piazza si affacciano, nel lato a monte partendo dall’attacco con via Chiodo, i palazzi Vivaldi e Contesso, quest’ultimo in origine struttura ricettiva balneare di particolare pregio decorativo come ancora si evince dagli apparati scultorei e dai sobri contrasti cromatici.
La potente mole del Palazzo delle Poste, progettato nel 1933 da Angiolo Mazzoni, conserva all’interno della torre, nella parte sommitale, i vorticosi mosaici rappresentanti le Comunicazioni terrestri, marittime ed aree, opere di Fillia e Prampolini, qui posti a celebrare la città futurista, il dinamismo e le conquiste tecniche. Quindi il Palazzo degli Studi, la cui realizzazione risulta conclusa nel 1923, opera dell’architetto carrarese Armando Titta e, in apertura della via Veneto, Palazzo Giachino edificato nel 1912, e con ogni probabilità riferibile a Vincenzo Bacigalupi.
Di volume compatto, affida ai decori in aggetto e dipinti sia in facciata che nei sottoportici l’eleganza formale di cui si compone, mischiando motivi vagamente neomedievali a formule classiche. Classico, di quel classicismo degli anni Trenta, il Palazzo del Governo progettato ed edificato al seguito della istituzione della Provincia avvenuta nel 1923, opera del prolifico Franco Oliva. Inaugurato nel 1928, l’edificio è ampiamente ornato dalle sculture e dai bassorilievi celebrativi di Augusto Magli, che straordinariamente si fondono con i volumi architettonici sortendo un risultato di ampia eco.
Il palazzo Boletto, elegantemente posto a chiudere la piazza in direzione mare, è stato edificato nel 1927 su progetto dell’architetto Bacigalupi. Inizialmente di dimensioni ridotte rispetto alla forma attuale, in pratica coincidente con la sola porzione a ovest, viene ampliato nel 1933 con l’aggiunta del corpo di fabbrica orientale, sempre su disegno di Vincenzo Bacigalupi.
Alle spalle della Piazza, verso monte si segnalano ancora il Palazzo San Giorgio, in via dei Colli al civico 9, progettato dal Raffaello Bibbiani nel 1927, importante esempio di architettura civile, i cui volumi mossi ed articolati vengono amplificati dalla ricca decorazione che riveste l’edificio, dovuta ad Augusto Magli, ancora i Palazzi della Fondega, edificati da Vincenzo Bacigalupi nel periodo compreso fra il 1906 ed il 1914, al seguito della ampia lottizzazione dei poderi dei marchesi Oldoini che qui erano collocati, e la Pensione Orioli, sobrio edificio nato come struttura alberghiera ed oggi abitazione privata, progettato dal futurista Manlio Costa nel 1935-’36, qui pacato assertore di un’edilizia residenziale di gusto eclettico.

Fonte: http://turismocultura.spezianet.it/index.php?option=com_content&view=article&id=567&Itemid=566&lang=it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>