Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
I vincitori del secondo Photo Contest ITALIAN LIBERTY

I vincitori del secondo Photo Contest ITALIAN LIBERTY

Grande successo per il 2° concorso fotografico Italian Liberty.

 

Alla cerimonia di premiazione della seconda edizione del concorso fotografico Italian Liberty, sabato 29 novembre al Grand Hotel Da Vinci a Cesenatico hanno partecipato oltre 300 persone provenienti da tutti Italia per assistere alla classifica dei dodici finalisti del contest più grande nella nazione, organizzato da Aitm Art e diretto da Andrea Speziali. Con 724 concorrenti e 18 mila fotografie giunte in segreteria.
Il primo premio è stato consegnato a Cristina Ortolani con la foto ritraente il Palazzo della Vittoria o “dei draghi” a Torino.

È stato il Grand Hotel da Vinci di Cesenatico ad ospitare, le premiazioni del secondo concorso fotografico “Italian Liberty”, la manifestazione organizzata e promossa da
AITM Art.
La famiglia Batani, titolare della Select Hotels Collection ha sostenuto e promosso l’iniziativa del giovane Andrea Speziali, ideatore e direttore del concorso, studioso ed esperto della corrente artistica “Art Nouveau” oltre che autore di diverse monografie sul tema.
Andrea Speziali è già noto sul territorio nazionale e conosciuto anche all’estero per le sue iniziative e i siti web che hanno raggiunto 10 milioni di visitatori grazie a un team capace e volenteroso per la promozione di una delle correnti artistiche più seducenti della Storia dell’Arte.

Il contest ha inteso e intende appassionare i giovani e i meno giovani al progetto culturale che rientra all’interno dell’iniziativa Italia Liberty (www.italialiberty.it), nata con l’intenzione di censire il patrimonio architettonico nella penisola, tra fine ‘800 e inizi ‘900, legato al Liberty e all’Art Déco e promuovere itinerari turistici legato allo stile.

Diciottomilatrecentosettantaquattro le foto in concorso, oltre ogni più rosea previsione, un autentico patrimonio che ha consentito di portare alla ribalta diversi luoghi ispirati alla “Art Nouveau” ancora da riscoprire nella loro bellezza. E’ fuor di dubbio che la grande mole di materiale fotografico, giunta alla segreteria del Premio, sia testimonianza del gradimento che l’iniziativa ha incontrato, non solo fra i professionisti, ma anche e soprattutto fra i giovani delle scuole di ogni ordine e grado, oltre agli amanti della bellezza e dei valori di cui il Liberty è portatore.

La cerimonia ha ottenuto grande successo con oltre 300 presenze provenienti da ogni parte d’Italia e anche dall’estero in compagnia del direttore artistico Andrea Speziali, il sindaco della città Roberto Buda accompagnato dai suoi assessori e consiglieri comunali, Alice Parma sindaco di Santarcangelo, Quinto Sabatini sindaco di Sogliano Al Rubicone, assessori del comune di Chiaramonte Gulfi (Ragusa),assessori del comune di Cervia,un deputato della Camera, direttori di quotidiani nazionali e giornalisti vari di quotidiani mensili e settimanali, tv e radio, personaggi del cinema e dello spettacolo e la presidente di giuria Cecilia Casadei.

Sono giunti anche i saluti dell’On. Prof. Ministro Renato Brunetta che per motivi istituzionali ha dovuto cambiare programmi.
In una lettera indirizzata a Speziali ha espresso gratitudine e lodi per una iniziativa che porta alla luce una bellezza nascosta.

I vincitori

1° Premio
1-cristina-ortolani Cristina Ortolani
TORINO – Palazzo Vittoria, detto anche il palazzo dei Draghi si trova nel corso Francia e risale al 1920.
Attraverso l’esaltazione cromatica del particolare decorativo, di quella che è stata definita la Casa dei Draghi, Cristina Ortolani ci restituisce con grande sapienza visiva, e cura del dettaglio prospettico, l’immagine di una zoomorfia architettonica che caratterizza un esempio straordinario di Liberty neogotico in una Torino che si è guadagnata il titolo di capitale del Liberty italiano.

2°Premio
2-Davide-BordognaDavide Bordogna
SAN PELLEGRINO TERME – Casinò Municipale, Via Bartolomeo Villa 16.
Lo scatto scenografico di Davide Bordogna coglie un insieme della eleganza e della bellezza del Casinò Municipale di San Pellegrino Terme, i pannelli del soffitto, le decorazioni interne, i mosaici, le balaustre dello scalone, gli stucchi, i lampadari. La grazie della figura in primo piano che sorregge un candelabro appare come un invito ad ammirare e ad entrare in un tempio del Liberty come testimonianza della straordinarietà di un movimento che ha consegnato alla storia concentrati di bellezza architettonica.

3°Premio
3-Roberto-ConteRoberto Conte
MILANO – Casa Guazzoni, via Malpighi 12. Arch. Giovan Battista Bossi, 1906.
L’obiettivo di Roberto Conte posa lo sguardo sulla scalinata di Casa Guazzoni di Milano per restituirci una immagine dove le sinuosità del ferro battuto delle balaustre dialogano con la luce del vetro in un spirale di raffinatezza ed eleganza che rimanda ad un ideale girone del Paradiso e crea la dimensione di un cammino dal sapore spirituale.

4°Premio
4-Florian-CastiglioneFlorian Castiglione
NAPOLI – Palazzina Velardi.
All’occhio del fotografo il merito di avere isolato la straordinaria trama del sottotetto della palazzina Velardi di Napoli considerata il primo edificio Liberty napoletano. Un documento che Florian Castiglione ci consegna come elemento decorativo dell’edificio che appare come un prezioso merletto in un raffinato contesto cromatico dalle sfumature pastello.

5°Premio
5-Alessandro-MorelliAlessandro Morelli
MILANO – Casa Campanini, via Bellini 11.
L’interno di Casa Campanini a Milano è immortalato da Alessandro Morelli in una sapiente prospettiva che coglie la maestosità delle colonne in marmo nel portale dell’ingresso, i motivi floreali dei capitelli e degli stucchi, i colori delle vetrate, la diversificazione dei materiali, la perfetta simmetria e l’equilibrio compositivo che diviene elemento espressivo centrale dell’architettura come della fotografia.

6°Premio
6-Mario-BarbieriMario Barbieri
GENOVA – Scultura Liberty presso il Cimitero Monumentale Staglieno.
La figura femminile collocata presso il Cimitero Monumentale di Staglieno, appare come angelo o madonna, “trasfigurazione” in una tridimensionalità che sa di leggerezza e soavità. La luce che illumina il volto della scultura, in una penombra che rimanda al silenzio e al mondo dell’aldilà, nella fotografia di Mario barbieri diviene emblema di vita, armonia, di luce ed eleganza come solo il Liberty ha saputo preziosamente incarnare.

7°Premio
7-Marco-MazzonMarco Mazzon
TRIESTE – Casa Valdoni 1908, via Commerciale 25. Arch. Giorgio Zanionovich.
Equilibrio e movimento nel grande balcone della facciata di Casa Valdoni a Trieste che lo sguardo di Marco Mazzon ci restituisce con maestria. L’imponenza e l’architettura massiccia, un fauno che suona il flauto- da cui l’edificio ricaverà anche il nome di Casa del Fauno- figure di bambini fra piante e fiori, una ninfa che doveva sorreggere uno strumento musicale diviene racconto della vitalità di un Liberty che affida alle varie arti il suo messaggio.

8°Premio
8-Mario-RistoriMario Ristori
MONTEVARCHI – Villa Masini.
Immagine dal sapore surreale quella che Mario Ristori elabora per raccontare Villa Masini di Montevarchi, la storica dimora che è stata il set fotografico del celebre film La vita è bella. Dalla facciata, tradotta in bianco e nero, da cui emerge la ricchezza di elementi decorativi, le vetrate, i tendaggi, le inferriate, la predominanza di una scultura cui fa eco una realistica, evanescente figura femminile, una suggestiva atmosfera che aggiunge mistero alla bellezza.

9°Premio
9-Daniele-ColliaDaniele Collia
ROMA – Teatro Ambra Jovinelli, 1909, via Guglielmo Pepe 43.
Una artificiale luce notturna colora di viola la facciata dell’Ambra Jovinelli o più semplicemente del Teatro Jovinelli di Roma un edificio del 1909 destinato, perlopiù, al teatro comico e di varietà. Una foto come documento di ciò che resta integro di un teatro che era stato, a sua volta, teatro di vicende storiche, politiche, sociali, culturali, distrutto da un incendio e ricostruito di recente. La prospettiva in cui è fissata la sua immagine, attraverso l’obiettivo di Daniele Collia, aggiunge suggestione ad una significativa testimonianza della stagione del Liberty italiano.

10°Premio
10-Roberto-ColomboRoberto Colombo
VARESE – Birra Poretti, Induno Olona, via Valganna.
Un raro esempio di elaborazione del Modern Style nella foto in bianco e nero che ci consegna la originale geometria della Birreria Poretti di Varese. Sintesi architettonica di un edificio industriale costruito in armonia con la natura che non rinuncia ad elementi decorativi come mascheroni e ghirlande di fiori di luppolo. L’immagine di Roberto Colombo diviene, pertanto, monito contro lo scempio perpetrato nei confronti della natura dal proliferare di assurde costruzioni industriali e civili che troppo spesso violentano il patrimonio naturale.

11°Premio
11-Marco-PascucciMarco Pascucci
MILANO – Casa Ferrario, via Spadari 3/5. Arch. Ernesto Pirovano, 1902.
Il bianco e il blu della facciata di Casa Ferrario a Milano nella serena fotografia di Marco Pascucci. Il blu rassicurante si unisce ai motivi sinuosi zoomorfi e fitomorfi delle ringhiere in ferro battuto per dialogare con la luce del bianco totale che illumina la facciata di una elegante palazzina a quattro piani nel cuore di Milano colta in una immagine prospettica che evoca una scalata verso il cielo.

12°Premio
12-Marcello-KarraMarcello Karra
PALERMO – ‘‘Florilegio’’, Statua all’interno della chiesa di San Domenico.
Florilegio come scelta di Marcello Marra, come fiore, testimonianza di uno stile che affida alla eleganza della figura femminile un messaggio di leggerezza e aspirazione al divino. Una foto che racconta l’espressività di una scultura, collocata all’interno della chiesa di San Domenico a Palermo, dove un tripudio di motivi floreali in altorilievo divengono canto d’amore alla natura ispiratrice, inno al Liberty italiano.

Ai dodici finalisti si aggiungono cinquanta attestati per la menzione d’onore rilasciata dal presidente di giuria, Cecilia Casadei (Vicepresidente dell’Accademia di Belle Arti a Urbino).

Dopo la cerimonia si è tenuta la visita guidata aperta al pubblico per conoscere i villini di Cesenatico con un aperitivo Liberty a villa Pompili che ha ospitato la preziosa automobile dell’epoca di Al Capone.

La città si è animata con un corteo di cinquecento persone che hanno visitato gli interni della “Regina del Liberty” e altre dimore significative come villa Magrini.

Considerato il grande successo della seconda edizione del Concorso Fotografico Italian Liberty il team è pronto per presentare la terza edizione introducendo delle novità come quella del video richiesta dagli stessi concorrenti come Paolo Pascucci che ha pensato a dei cortometraggi per raccontare la Belle Epoque attraverso la tecnica del video.

Sul sito italialiberty.it è possibile rimanere aggiornati sulle novità del progetto ITALIA LIBERTY e conoscere anche gli itinerari e persosi dedicato a questo stile in tutta la nazione.

Atmosphera Italia e Aitm Art sta lavorando al tour Liberty milanese in collaborazione con il Dott. Andrea Speziali e l’On.Prof. Vittorio Sgarbi in occasione di EXPO.
La cucina del Grand hotel Da Vinci alla serata Italian Liberty ha espresso un concetto di cucina Liberty/Art Dèco in vista di una grande manifestazione come EXPO.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>