Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Giuseppe Ugonia

Giuseppe Ugonia

GIUSEPPE UGONIA
(1881 – 1944)

Con l’opera Contrasti Giuseppe Ugonia esordisce alla Biennale di Venezia del 1914 nella sala 17 dedicata alle opere interna­zionali. A questa data la sua produzione ar­tistica risente delle suggestioni della Seces­sione viennese, con atmosfere böckliniane in alcuni particolari vicine al decorativismo di Klimt, che qui convivono con echi orien­taleggianti nella definizione grafica di chia­ra ascendenza giapponese. Gli esili tronchi delle querce dalle chiome dorate si accom­pagnano con ritmo cadenzato “ad una pro­cessione di affusolati cipressi”, come amava definirli l’amico Francesco Sapori (Sapori 1928, p. 3), contribuendo all’armonia genera­le della scena, impreziosita da una striscia di prato punteggiato da piccoli fiori bianchi. La qualità linguistica risulta raffinata e semplice, ma nello stesso tempo ricercata: è la tecni­ca litografica che permette all’artista acco­stamenti sottili di colore. Elementi che ritro­viamo già qualche anno prima, nel 1911, nella litografia, anche questa esposta in mostra, L’olmo e la vite (cat. 92): qui il tema, mediato dalle stampe giapponesi, dell’esile tronco ri­curvo posto al centro della scena non manca di evocare un’atmosfera malinconica e triste che viene accentuata dallo smaterializzarsi del paesaggio sullo sfondo. Il ricercato cromatismo e l’attenzione per la resa della luce, attraverso le variazioni nelle diverse ore del giorno, contribuiscono così a evocare quel carattere mistico e spirituale di certa produzione simbolista vicina al lu­minismo lombardo, ad esempio di Gaetano Previati, ma anche a un linguaggio aggiorna­to sul Divisionismo, considerata la vicinanza dell’artista al cenacolo di Domenico Baccarini. Dopo la giovanile formazione presso la Scuo­la di Arti e Mestieri di Faenza, Ugonia intra­prende gli studi all’Accademia di Belle Arti di Bologna dove si diploma con il pittore An­tonio Berti. In tale contesto conosce anche Baccarini ed Ercole Drei, esercitandosi nel disegno presso la ditta Morgagni, poi colla­borando con la Litografia Comellini. Ottiene l’incarico di insegnante di disegno alla locale Scuola di Arti e Mestieri. Un’unica parentesi di pochi mesi nel 1931 nel campo della cera­mica lo vede impegnato nella realizzazione di alcune interessanti plastiche nella bottega di Ugo Lassi di Faenza. Ugonia rimane strettamente legato al suo paese natale da cui si allontana solo in due occasioni, nel periodo trascorso a Bologna e nei tre anni critici della guerra, dal 1915 al 1918. Borgo dell’anima, Brisighella sarà il soggetto prediletto e la fonte d’ispirazione anche delle creazioni più tarde, degli scorci nostalgici e immutati del piccolo paese dove Ugonia muore nell’ottobre del 1944.

 

Bibliografia: V. Pica, Le acqueforti, le litografie e le xilografie di due Giovani artisti italiani (Benvenu­to Disertori e Giuseppe Ugonia), in “Emporium”, 1917, 46, pp. 171-188; F. Sapori, Il presepe di Fafina, in “Il Brennero”, 15 novembre 1928, p. 3; M. Catelli Isola, Giuseppe Ugonia. Trentaquattro tavole a co­lori, Litografie Artistiche Faentine, Faenza 1975; A. Olivieri, Un intellettuale romagnolo fra “ideologia” e sperimentazione: Giuseppe Ugonia, in “Le cam­pane del Monticino”, settembre 1975, 4, pp. 40­45; O. Ghetti, in Il Liberty a Bologna e nell’Emilia Romagna, a cura di F. Solmi, catalogo della mo­stra (Bologna, Galleria Comunale d’Arte Moder­na), Grafis, Bologna 1977, pp. 275-276, nn. 178-181; Armeni, in Giuseppe Ugonia: paesaggi, a cura di F. Di Castro, catalogo della mostra (Brisighella), Electa, Milano 1995, pp. 52-53, n. 5; pp. 68-69, n. 13; A. Di Nardo, in Art Nouveau a Faenza. Il cena­colo baccariniano, a cura di J. Bentini, catalogo della mostra (Faenza, Museo Internazionale delle Ceramiche), Electa, Milano 2007, p. 184, n. 98. Testo tratto da: Aa. Vv. Liberty, uno stile per l’Italia moderna, Silvana editoriale, Cinisello Balsamo 2012

Isabella Collavizza

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>