Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Giuseppe Romagnoli

Giuseppe Romagnoli

GIUSEPPE ROMAGNOLI
(1872 – 1966)

Romagnoli grazie alla sua predisposizione per gli studi artistici, a soli tredici anni fu accolto al Collegio Artistico Angelo Venturoli di Bologna dove fu allievo del pittore Luigi Serra e del decoratore Alfredo Tartarini. Iscrittosi successivamente all’Accademia di Belle Arti di Bologna frequentò i corsi di Enrico Barberi, volgendo il suo interesse soprattutto alla scultura e alla realizzazione di medaglie, ambiti che caratterizzarono gran parte della sua successiva attività artistica. Prese parte a numerose esposizioni (I Esposizione di Torino, 1898; Biennali veneziane; Eposizione Universale di Torino, 1902). Nel 1898 fu invitato da Rubbiani ad entrare nella società Æmilia Ars. Entrato a far parte della Gilda, collaborò ai restauri della chiesa di San Francesco realizzando il busto in terracotta di San Tommaso per la cappella Davia e la lastra tombale della marchesa Emma Paladini (1905) nella cappella Boschi. Nel Cimitero della Certosa di Bologna realizzò importanti opere tra cui la cella Saltarelli (1900), raffinato esempio di arte funeraria simbolista; la tomba Guizzardi (1907); la cella Albertoni (1908), capolavoro dello stile floreale. Fu autore di numerosi busti celebrativi, eseguiti su commissione pubblica e ubicati nel Pantheon bolognese e in diversi palazzi pubblici della sua città, tra cui la sede dell’Ateneo. Nel 1900 si stabilì a Roma dove attese ad importanti commissioni e si inserì nel relativo ambiente artistico-culturale; in particolare entrò in stretto contatto con i celebri artisti Ettore Ximenes e Giulio Aristide Sartorio. Tra i numerosi incarichi va ricordato quello per la realizzazione di un bassorilievo (Gloria, 1908) da collocarsi nel prestigioso ed immenso cantiere del Vittoriano ormai prossimo all’inaugurazione. Grazie alle sua costante attività e alle eccellenti doti di medaglista, nel 1909 fu nominato direttore della Scuola di Medaglia, incarico che mantenne fino al 1954. Nel 1911 ricevette un importante riconoscimento professionale quale la nomina ad Accademico di San Luca.

 

Emanuela Bagattoni

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>