Menu Navigazione
Giuseppe Brega

Giuseppe Brega

GIUSEPPE BREGA
(1877 – 1960)

Originario di Urbino, studiò presso il regio Istituto di Belle Arti di Pesaro e fin da giovane si cimentò con lavori di pittura e decorazione. Fu responsabile degli affreschi di villa Montale, vicino Urbino, insegnò disegno e accettò numerose commissioni come artista, decoratore e occasionalmente architetto.
La collaborazione più importante di B. fu quella con Oreste Ruggeri, un imprenditore farmaceutico originario di Urbino che fu il principale promotore della stagione Art Nouveau di Pesaro. Entusiasta degli sviluppi francesi, Ruggeri promosse attivamente il nuovo gusto artistico anche in Italia attraverso la realizzazione di grafiche pubblicitarie. Nel 1898 Ruggeri rilevò una fabbrica di ceramiche e le diede una direzione completamente nuova proprio grazie al design Liberty.
B. fu tra i principali collaboratori di Ruggeri, lavorando dal 1900 per la sua ditta di ceramiche e assumendone la direzione artistica a partire dal 1902.
Il progetto più importante di B. per Ruggeri fu il villino Ruggeri di Pesaro (1902-1907), un sorprendente edificio Art Nouveau ispirato alle esperienze d’oltralpe che il committente aveva potuto apprezzare durante un soggiorno in Francia. Ispirato dall’entusiasmo di Ruggeri per i più recenti sviluppi architettonici, B. realizzò un vero e proprio capolavoro del Liberty italiano, sfruttando la sua esperienza come artista e decoratore per realizzare decorazioni, arredi ed elementi decorativi in linea con il gusto francese. Se per l’architettura B. fece in gran parte riferimento ai disegni portati dal committente dalla Francia, l’unità grafica e decorativa che coinvolge tutti gli elementi dell’edificio – dalle decorazioni e le vetrate fino anche alle maniglie – è interamente attribuibile a B. L’artista non mancò di integrarvi scelte tecniche d’avanguardia, come per esempio l’utilizzo di cemento idraulico per i rilievi decorativi.
L’adesione di B. allo stile Liberty è evidente anche nella sua pratica artistica e in particolar modo nella cartellonista, che sulla scia di Ruggeri conobbe grande fortuna nella Pesaro di inizio Novecento. Ne sono esempi Una Finestra sul Lido e il manifesto per le celebrazioni del centenario di Giuseppe Mazzini, entrambi realizzati a Pesaro nel 1905.

Testo di Federica Mentasti © A. Speziali, Giuseppe Sommaruga (1867-1917). Un protagonista del Liberty, Cartacanta, Forlì 2017.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>