Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Giovanni Buffa

Giovanni Buffa

GIOVANNI BUFFA
(1871 – 1954)

Nato a Casale Monferrato il 10 ottobre 1871. Compì gli studi all’Accademia di Brera e nel 1894 esordì in una esposizione milanese con tre bozzetti. Nel 1896 alla Promotrice di Torino espose il bozzetto per il quadro “Caterina de’ Medici visita gli Ugonotti”. Espose poi a Venezia e a Milano: “A sera”; “La fuga”; “Ritratto di signora”; “La Ninfa”; “Ritratto di Giovanni Beltrame” e di “Bassano Danielli”, entrambi ora nella Galleria d’Arte Moderna di Milano. Partecipò all’Esposizione del Salone di Parigi nel 1910, a Buenos Aires, a Barcellona ed a Monaco di Baviera. Dal 1909 al 1914 fu insegnante di decorazione alla Scuola d’Arte Professionale e dell’Umanitaria e per qualche anno alla Scuola Superiore d’Arte Industriale del Castello Sforzesco. Nel 1899 iniziò un’altra attività artistica come creatore di vetrate istoriate, eseguendo in collaborazione con Innocente Cantinotti la vetrata “Visione”, per l’Esposizione Universale di Parigi. Un anno dopo fondò la bottega per la produzione delle vetrate col proposito di evolvere, secondo lo spirito del ventesimo secolo, la tradizione di questo illustre ramo dell’arte italiana rimasto senza seguaci dopo la morte di Pompeo Bertini. Così dal 1900 egli vi dedicò la sua attività, ideando bozzetti e disegnando cartoni di vetrate che furono esposte e premiate in questi ultimi trent’anni, in Italia e all’estero. Le più importanti: “Vetrate di San Carlo” nel Duomo di Milano, di cui il Buffa ha disegnato ed eseguito da solo quasi tutta la metà inferiore, comprendenti le storie della “Distribuzione dei pani”; “Le notti vaticane”; “L’ingresso di San Carlo in Milano” (1910-1911). Completamente sua è la grandissima vetrata “Trionfo della Croce”, eseguita per la chiesa delle Figlie Missionarie di Sant’Anna in Roma (1925-1926). L’Ambrosiana possiede la grande vetrata di “Sant’Agostino” che nel 1908 ebbe il primo premio al Concorso Nazionale per le vetrate della Basilica di San Paolo fuori le mura, in Roma. Fu pure abile e distinto scultore, disegnatore e acquafortista.  Con “Persecutori e perseguitati” espose pure nel 1906 un gruppo di disegni per l’illustrazione della «Divina Commedia» che ebbero il premio della Città di Milano.
Partecipa alla Esposizione Nazionale d’Arte a Brera nel 1915, con le due tempere “Glicine”, nel 1916 esponendovi il disegno a sanguigna “Ritratto di signora” e la scultura in bronzo “Ritratto del pittore Carlo Cressini”.

Bibliografia
A.M. Comanducci – Pittori italiani dell’Ottocento – Milano 1934
A.M. Comanducci – Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni – II ediz. Milano 1945 
A.M. Comanducci – Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei – III ediz. Milano 1962 
L. Servolini – Dizionario illustrato incisori italiani moderni e contemporanei – Milano 1955
Bignami – Pittura lombarda del sec XIX – 1900
Thieme Becker  – Kunstlerlex – 1911
H. Vollmer – Kunstlerlex – 1953
Natura ed Arte – 1895/96   1905/06
Arte e Storia – 1905
Emporium – 1917
Illustrazione Italiana – 1900

 

Giovanni_buffa_e_guido_zuccaro_per_beltrami,_medusa,_milano_1901

FOCUS: Giovanni Buffa. Disegno a Piombo, cartoni per vetrate
a cura di Laura Marchesini
Mostra al Castel Sismondo piazza Malatesta, 28 aprile – 15 luglio 2018
*testo incompleto di note bibliografiche, si rimanda alla versione cartacea del catalogo LAZAGNE Art Magazine #14

Era il 1928 quando Monsignor Carlo Coccini decise di far decorare le vetrate a tre lancette del transetto della Chiesa del Santissimo Redentore di Milano con le scene dell’Adorazione dei pastori e della Crocifissione del Messia. Da tempo aveva sensibilizzato i parrocchiani verso quest’impresa e puntuali stavano arrivando le donazioni dei fedeli che il Bollettino parrocchiale registra come a voler sollecitare la generosità di chi ancora titubava. La scelta dell’artista al quale affidare l’impegnativa commessa ricadde su Giovanni Buffa (Casale Monferrato,1871 – Milano, 1954). A quel tempo il pittore aveva già una consumata esperienza nel campo e a confermarne l’indubbia maestria erano sotto gli occhi di tutti le bellissime vetrate del Duomo di Milano, realizzate nel 1910, con le storie di san Carlo Borromeo. Se al Buffa spettavano la maggior parte dei cartoni preparatori, all’impresa aveva atteso l’intera équipe della notissima G. Beltrami & C. – Vetrate artistiche. La manifattura era stata fondata nel 1901 dal pittore Giovanni Beltrami con la collaborazione di Innocente Cantinotti, Guido Zuccaro e naturalmente di Giovanni Buffa. Definita come una “Ditta che fa davvero onore all’industria italiana”, la vetreria si era specializzata nell’esecuzione di vetrate di carattere sacro e profano, diventando la protagonista quasi assoluta della brevissima stagione del Liberty nazionale in questo settore. Durante l’Ottocento vi era stata una ripresa dell’arte della vetrata, alla quale aveva contribuito il Romanticismo con la “riscoperta” del Medioevo e delle sue forme artistiche. In Italia ed in particolare a Milano si deve alla Famiglia Bertini, a lungo impegnata anche nei restauri e nell’integrazione delle vetrate del Duomo, il rinnovato interesse per questa tecnica declinata in particolare nell’uso di dipingere sul vetro a smalto, concependo la vetrata come un mero dipinto su supporto trasparente. Il grande merito della G. Beltrami & C. – Vetrate artistiche era stato invece quello di aver recuperato l’antico sapere dell’arte vetraria lavorando con il metodo del vetro colorato in pasta, assemblato attraverso una maglia di piombo, per ottenere l’effetto di un mosaico di vetro. Con questa tecnica Giovanni Buffa affrontò anche la commessa per la chiesa del SS. Redentore. Per L’Adorazione dei pastori del transetto di sinistra, terminata nel luglio del 1929, il Buffa realizzò 6 cartoni preparatori a gessetto nero e bianco in scala 1:1 che si discostano per alcune varianti da un’idea iniziale di cui resta memoria in un bozzetto pubblicato sul Bollettino parrocchiale. A distanza di un anno il Buffa licenzia anche la seconda vetrata con la Crocifissione per la quale impiega sette cartoni eseguiti con il medesimo medium. Si tratta di uno studio accurato dell’impaginato e del chiaroscuro che sull’opera finale era stato reso con la tecnica “a grisaille” cioè con ritocchi di pittura più scura sulle singole tessere di vetro colorato. I grandi fogli coprono ciascuno all’incirca la metà di una lancetta e corrispondono a due o tre antelle della vetrata. Veri e propri strumenti di lavoro conservano le tracce di riquadrature, misurazioni, punti interni alla composizione e qualche appunto scritto dallo stesso pittore. In particolare sullo sfondo alle spalle degli angeli dell’Adorazione dei Pastori si intravedono i contorni delle singole tessere di forma geometrica irregolare. A dispetto dell’opera finita dove la luce e i colori rapiscono la visione, i carboncini restituiscono a pieno la plasticità delle forme e la nettezza dei contorni del disegno che sulla vetrata sono sfumati dal passaggio della luce. Al momento della commissione per il SS. Redentore il Buffa lavora ormai da solo ed infatti è il suo il solo nome citato nei documenti parrocchiali. Con la morte del Beltrami nel 1926 l’intera ditta aveva subìto una significativa diminuzione di lavoro, rivolgendosi quasi esclusivamente al Duomo e chiudendo definitivamente nel 1932. La recente scoperta di questi cartoni al vero è la viva testimonianza delle modalità di lavoro di questo artista e consente di meglio comprendere una delle fasi della complessa e affascinante costruzione di una vetrata artistica della prima metà del XX secolo.

Salva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>