Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Gino De Finetti

Gino De Finetti

GINO DE FINETTI
(1877 – 1955)

Figlio dell’ingegnere Giambattista, di antica famiglia di Gradisca, e di Anna Radaelli, padovana, nacque a Pisino d’Istria il 9 agosto 1877. mentre il padre sovrintendeva alla costruzione della ferrovia di Pola. La professione patema condusse in seguito la famiglia a Tarvisio, Vienna, Gorizia, Innsbruck e, dal 1884, a Trieste. Qui il D., che aveva mostrato fin da bambino propensione per il disegno, frequentò ginnasio e liceo, esercitandosi nel contempo nell’illustrazione e nei disegni satirici. Cominciò anche a frequentare lo studio dei pittori E. Scomparini e A. Zuccaro.

Sovente in questi anni egli trascorreva le vacanze nelle proprietà della famiglia in Friuli (Gradisca, Latisana, Udine), dove restava affascinato dai nobili e begli edifici e dalla dolcezza del paesaggio, ma dove aveva anche la possibilità di sviluppare il suo interesse per i cavalli, fin dagli anni giovanili uno dei soggetti preferiti delle sue opere. È anche di questi anni la “scoperta” dei Tintoretto, che rimase poi un modello grandemente amato e perennemente stimolante.

Terminati gli studi liceali, nel 1895 si iscrisse all’accademia di Monaco, ove scelse il corso di pittura di H. Zúgel, noto soprattutto come animalista e convinto “plainairista”. Per quanto il D. si sottraesse abbastanza presto alla troppo forte personalità del maestro, è indubbio che la frequentazione del corso abbia contribuito ad accentuare ulteriormente in lui l’interesse per i tavalli, anche se via via questo si andò configurando sempre più come un aspetto particolare dell’interesse più generale verso la rappresentazione del movimento.

L’istintiva vena ironica e la feconda pratica della caricatura lo portavano intanto a prediligere, nella rappresentazione, il momento della sintesi, della riduzione all’essenziale. Coerentemente con questo indirizzo, terminato il servizio militare, il D. decise di stabilirsi a Monaco, dove si dedicò al cartellonismo e divenne uno dei più importanti collaboratori di riviste satiriche come Simplicissimus e Jugend. Tali impegni, oltre a renderlo economicamente indipendente, rispondevano ad una scelta programmatica, come ebbe a precisare l’artista stesso più tardi in una sua “confessione” (in La Panarie, 1937).

Si trattava insomma per il D. di risolvere il problema di un’arte sempre più avulsa dal mondo reale, sempre più cerebrale e atrofizzata, sempre meno capace di riflettere la vita contemporanea con “semplicità” e “naturalezza”. La soluzione si trovava “nelle arti illustrative, nel cartellone, portavoce modesti, ma schietti di questa vita moderna così tumultuosa” (ibid., p. 230).

Nel 1904 accettò di trasferirsi a Berlino come collaboratore degli editori Ullstein e Scherl. Per quanto il clima berlinese gli si rivelasse ben presto meno congeniale di quel che avesse sperato, qui lavorò intensamente, ideando copertine di riviste e libri e collaborando, con illustrazioni e vignette, a importanti periodici quali Berliner Illustrierte Zeitung, Lustige Blaetter e Dame. A Berlino ebbe anche modo di conoscere direttamente alcune opere di impressionisti francesi, conoscenza che approfondì nel 1905 durante il suo primo viaggio a Parigi. Furono inoltre fondamentali, per le sue ricerche sul movimento, Degas e Toulouse-Lautrec, come pure Géricault e Delacroix.

Rientrato a Berlino, proseguì nel suo lavoro di cartellonista (è datato 1905 un famoso manifesto per il Tomeo intem. di scherma di Trieste) e di ffiustratore.

Nel 1911 ritornò a Parigi e probabilmente (Micovilovich, 1984-85) lavorò come costumista per il balletto Petruška su musica di Stravinskij, messo in scena dalla compagnia dei Ballets russes di Djagilev. Anche se in seguito le scene e i costumi furono tutti firmati da A. N. Benois, rimangono del D. alcuni oli e alcuni schizzi di ballerine e personaggi del balletto, e in particolare un Arlecchino all’acquerello del 1911-12, sul retro del quale c’è una nota autografa relativa alla collaborazione con Djagilev per Petruška.Di nuovo a Berlino, dove allora gli espressionisti andavano realizzando importanti esperimenti in campo cinematografico e teatrale, l’artista ideò bozzetti scenografici e manifesti per la casa cinematografica tedesca U.F.A., ma soprattutto si accostò all’ambiente teatrale grazie al decisivo incontro con Max Reinhardt. Tale ambiente gli fornì numerosi soggetti per le sue opere di piccolo formato (disegni, litografie, anche oli), ma gli diede pure la possibilità di por mano a lavori di più ampio respiro: gli fu affidata infatti la decorazione di vari teatri berlinesi, come il Lessing Theater, il Deutsches Theater e il Wellner Theater.

Nonostante che si fosse stabilito ormai definitivamente a Berlino, dove nel 1911 aveva sposato Martha Bermann, originaria di Hannover, e dove aveva aperto uno studio, e per quanto la sua opera ottenesse sempre maggiori riconoscimenti da parte della critica tedesca, il D. continuò ad avere contatti con l’Italia. Infatti la sua attività espositiva, che divenne via via sempre più frequente in Germania, Polonia, Olanda, comprese sempre anche l’allesfimento di mostre personali o la partecipazione a esposizioni collettive in patria.

Ricordiamo da un lato la sua presenza alle esposizioni della Secessione berlinese nel 1906 e poi costantemente dal 1912 al 1933, e l’allestimento di mostre personali a Berlino, Amsterdam, Düsseldorf, Stoccarda, Varsavia, Parigi; dall’altro lato la partecipazione alle Biennali veneziane dei ’20, ’24, ’28, ’32, ’34 e ancora nel 1953, alle Sindacali triestine dal 1925 in poi, alla Mostra sul Novecento italiano a Milano nel 1928, alla Quadriennale romana nel 1931. Nel 1924 riscosse notevoli consensi la sua personale alla “Bottega di poesia” di Milano, presentata da Carlo Carrà (cfr. catal. della mostra e recens. di G. Fabian, in Il Piccolo della sera, 5 febbr. 1924), come pure, nello stesso anno, la personale al Circolo artistico di Trieste.

Si faceva conoscere anche con la pubblicazione in Italia di cartelle di stampe, come Ritmi (10 litografie con Arlecchini, ballerine, cavalli, pugili, ecc.), Corse al galoppo (12 acqueforti) e In sella (ancora 10 litografie), oltre che con la sempre più intensa attività di cartellonista di soggetto sportivo (ippico in particolare) e persino di disegnatore di figurini di moda, in cui non di rado fungeva da modella la bella moglie.

Nel 1934, come conseguenza dell’avvento dei nazismo, i coniugi abbandonarono la Germania e si stabilirono nella vecchia dimora di Corona (Gorizia), dove, nonostante la vita piuttosto schiva e appartata, l’artista proseguì la sua attività, dipingendo e disegnando molto, ma anche collaborando come illustratore a riviste italiane come La Lettura e Il Cavallo italiano e al quotidiano La Gazzetta dello sport; né troncò il sodalizio con l’editore berlinese Ullstein, per il quale lavorò fino alla morte.

Dopo il suo rientro in Italia partecipò ancor più assiduamente alle mostre sindacali triestine ed espose anche a Varsavia, Cracovia, Bucarest, Sofia, Budapest e Berlino.

Copiosa fu in questo periodo la sua produzione ad olio (soggetti ippici, paesaggi, ritratti) i cui “elementi distintivi… sono gli effetti di ‘mosso’ fotografico e l’impostazione prospettica obliqua, cui s’accoppiano, in funzione di sostegno strutturale, scatti sinuosi di ricordo secessionista” (Sgubbi, 1982). Continuò comunque a prediligere la grafica e a dedicarsi con grande impegno all’illustrazione: sono della fine del quarto decennio le decine e decine di disegni e schizzi, in cui innumerevoli figurine mobilissime, silhouettes scattanti, macchiette appena abbozzate illustrano episodi della Guerra gradiscana dello storico seicentesco Faustino Moissesso (52 disegni sono stati pubbl. nel volume edito a Gorizia nel 1959). Assai evidente è in tutte le raffigurazioni il sorriso ironico con cui l’artista guarda ora ad un vorace Falstaff, ora ad uno spavaldo Capitan Fracassa, ora ad un pavido fante travolto dalla mischia, anche se alla fine tutte queste figure sono viste come patetiche e inconsapevoli marionette di quella stupida commedia che è la guerra.

Dopo il secondo conflitto mondiale il rifiuto di quella brutale violenza si fece più serio e commosso. Gli scorci arditi, la tensione dinamica delle linee e dei piani, i toni delicati e smorzati dei colori concorsero ad esprimere questa sua accorata meditazione sulla guerra nelle opere degli ultimi anni: il S. Sebastiano (Galleria regionale d’arte contemporanea L. Spazzapan di Gradisca), Gli infoibati (Musei provinciali, Gorizia) e la drammatica Via Crucis, che il pittore volle dedicare alla parrocchiale del paese di Corona (pubblicata nel 1950 a Gorizia con presentaz. di A. Riccoboni). Ancora nel pieno della sua attività, morì improvvisamente a Gorizia il 5 agosto 1955.

Mostre restrospettive si tennero nello stesso 1955 a Trieste, nel 1957-58 a Gorizia, nel 1967 a Gradisca, e ancora a Gradisca nel 1977 in occasione del centenario della nascita. Particolare attenzione è stata riservata negli ultimi anni alla produzione del D. cartellonista e suoi manifesti sono statì esposti in varie rassegne collettive.

Testo tratto da TRECCANI
Fonti e Bibl.: Oltre ai catal. delle mostre cit. all’intemo della voce, si vedano le schede infor mative dei D. stesso (1932 e 1952) presso l’Archivio storico d’arte, palazzo ducale, Venezia; S. Sibilia, Pittori e scultori di Trieste, Milano 1922, p. 95; R. Collino Pausa, Un pittore giuliano in Germania: G. D., in Il Piccolo della sera, 8 genn. 1923; A. Ballaben, Il pittore G. D. nel Friuli, ibid., 8 giugno 1923; Id., Una mostra di G. D., ibid., 22 nov. 1923; Catal. illustrato della I Esposiz. biennale del Circolo artisticoTrieste (presentaz. di S. Benco), Trieste 1924, pp. 40 nn. 22-23, si nn. 4-5, tav. VI; D. D’Orazio, Ritmi di G. D., in Il Piccolo, 5 febbr. 1925; Finetti alla mostra regionale d’arte, ibid., 11 ott. 1928; C. Wostry, Storia del Circolo artistico di Trieste, Udine 1934, p. 231; Ausstellung Italien. Kunst (catalogo), Berlin 1937, p. 42; G. De Finetti, Tormenti e conquiste di un pittore friulano, in La Panarie, XIII (1937), pp. 226-240 (con 11 illustrazioni); La Sindacale d’arte giuliana al Castello: D., in Il Piccolo, 19 ott. 1937; Alla XIII Sindacale d’arte al Giardino: D., ibid., 12 ott. 1939; Campit, Impressioni sulla mostra di G. D., in Il Giornale alleato, 15 ott. 1946; R. M. Cossar, Storia dell’arte e dell’artigianato in Gorizia, Pordenone 1948, pp. 399 s., 402 s., 443-446, 477; V. Degano-E. Cicuttini, Nuova antologia di artisti italiani contemporanei, Trento 1953, p. 43; Mostra retrospettiva di G. D. … (catal.), Trieste 1955; D. Gioseffi, Disegni di G. D. esposti nella Sala comunale, in Il Piccolo, 14 dic. 1955; G. Manzini, Un artista isontino: G. D., in Studi goriziani, XX (1956), pp. 59-81 (con 10 illustrazioni); Mostra personale di G. D. (catal.), Gorizia 1957; D. Gioseffi, Impressioni sportive di G. D., in Il Piccolo, 17 luglio 1957; R. Joos,. Panorama pittorico di Gorizia, in Studi goriziani, XXIX (1961), p. 52, fig. a p. 55; Studi. e disegni ined. di G. D. (catal.), Gradisca d’Isonzo 1967; C. Devetag, L’ambiente artistico di Gorizia negli anni Venti. Omaggio a Spazzapan, Gradisca d’Isonzo 1970, p. 3; F. Firmiani-S. Molesi, Galleria d’arte moderna del Civico Museo Revoltella di Trieste (catal.), Trieste 1970, pp. 64 s., fig. 296; A. Morassii Gorizia nella storia dell’arte, in Gorizia viva, Gorizia 1973 (pp. non num., con fig.); L. Menegazzi, Il Manifesto italiano 18821925, Milano s. d., pp. 153-220; Galleria regionale d’arte contemp. “Luigi Spazzapan” (catal.), a cura di F. Solmi, Gorizia 1977, nn. 68-71; R. Curci-V. Strukelj, Dudovich & C. – I triestini nel cartellonismo ital., Trieste 1977, pp. 142 s. figg. 58-59, 175-177; G. Montenero, G. D. Mostra ricordo allestita nel centenario della nascita dell’artista, Gradisca d’Isonzo 1977; L. Damiani, Arte del Novecento in FriuliIl Liberty e gli anni Venti, Udine 1978, I, pp. 137-142 (con figg.); C. Martelli, Artisti triestini del Novecento, Trieste 1979, pp. 76 s. (con fig.); F. Monai, Artisti degli anni Venti a Gorizia nel clima della cultura centroeuropea, in Studi goriziani, L (1979), pp. 55-59, 61, fig. 3; G. Bradaschia, Andiamo insieme a visitare i Musei provinciali di Gorizia, Gorizia 1980, pp. 78 s. (con fig.); 150 manifesti del FriuliVenezia Giulia. Vita e costume di una regione 18951940 (catal.), Padova 1982, p. 27, nn. 15, 107, 115; G. Sgubbi, G. D., in Arte nel FriuliVenezia Giulia 19001950 (catal.), Pordenone 1982, p. 372, figg. 216 s.; Frontiere d’avanguardia. Gli anni del futurismo nella Venezia Giulia (catal.), Gorizia 1985, p. 12 fig. 2; M. T. Micovilovich, Il pittore goriziano G. D. (18771955), tesi di laurea, Università degli studi di Trieste, facoltà di magistero, a. a. 1984-85 (con ampia bibliografia); U. Thieme-F. Becker, Künstlerlexikon, XI, p. 593 (sub voce Finetti, Gino, Ritter von); H. Vollmer, Künstlerlexikon des XX Jahrhundert, II, p. 106 (idem); E. Padovano, Diz. degli artisti contemporanei, Milano 1961, p. 104.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>