Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Filippo Omegna

Filippo Omegna

FILIPPO OMEGNA
(1881 – 1948)

Nato a Torino l’11 marzo 1881, vive ivi. Fu allievo di Giacomo Grosso all’Accademia Albertina. Esordì nel 1902 all’Esposizione d’Arte decorativa col quadro “I dimenticati”, e furono subito notate le sue qualità di disegnatore e colorista. Seguirono: “Sorrisi di Dio”, acquistato dal Re, “Ballata d’autunno”, ora a Londra; “Turbine”; “La rivolta”; “Coloro che si divertono”; “Altri tempi”, pure acquistato dal Re; “La commedia”; “Ave Maria” (paesaggio); “Ritratto di mia madre”, esposto a Venezia nel 1912; “Il mercato”; “Alla fontana”; “Verso la luce”; “Autunno”; “Unica proprietà”; “Interno di cortile”; “Signora in crepe de Chine blu”, esposto al Salone di Parigi; “Signora in grigio rosa”, esposto alla Promotrice di Torino nel 1924; “L’insidia”; “A Porta Capuana”; “Il risveglio”; “Bolle di sapone”; “Farfalle e mosconi”; “Il centauro”. Ma la sua notorietà, oltre che al “Turbine”, è dovuta specialmente ad “Anime illuse” e a “L’ascesa”, che sono conservate nel Museo di Storia e d’Arte di Brà. Egli volse la sua attività anche all’affresco, e lavorò nella chiesa del Santo a Padova; dipinse in parte il soffitto del Teatro Regio di Torino, e nel 1910 andò nel Cile a lavorare col Grosso. Suoi quadri furono esposti a Verona, Torino, Roma, Parigi, Saint Louis, ed ebbero distinzioni e premi. E’ anche miniaturista, caricaturista, cartellonista, e da molti anni insegnante di nudo all’Accademia Albertina di Torino.

Filippo Omegna - Ballata d'autunno, trittico di dipinti ad olio, 1904, cm 140x72-kivC-U11205390970803GG-1024x576@LaStampa.it

Bibliografia: AA.VV., Catalogo Bolaffi del Manifesto Italiano, Giulio Bolaffi Editore, Torino 1995

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>