Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Elementi Liberty nelle sepolture del Monumentale di Roberto Bagnera

Elementi Liberty nelle sepolture del Monumentale di Roberto Bagnera

Di on nov 4, 2018 in Regione Lombardia | 0 commenti

Milano, 2 Novembre 1866: alla presenza delle autorità governative e municipali, previa benedizione religiosa di Monsignor Giuseppe Calvi, si inaugura ufficialmente il nuovo cimitero di Porta Garibaldi. Una lunga storia di giochi politici e progetti rifiutati stava già alle spalle di questo servizio pubblico che, nel volgere di breve tempo, avrebbe visto mutarsi la sua primitiva funzione in qualcosa di diverso e più inatteso significato.

Piazzale del Cimitero Monumentale in una foto risalente al 1890 di Brogi, archivio Alinari

Piazzale del Cimitero Monumentale in una foto risalente al 1890 di Brogi, archivio Alinari

Considerati insufficienti alle esigenze della crescita vertiginosa che la città stava vivendo i cimiteri del Gentilino (P.ta Ticinese), di San Gregorio (P.ta Venezia), di San Giovanni alla Paglia (P.ta Vercellina), di San Rocco (P:ta Romana), della Molazza (P:ta Garibaldi), dei Tre Ronchetti, della Barona, di Calvairate, Monluè e Gratosoglio, il Comune di Milano decide di bandire un concorso per un cimitero “… degno del lustro della città, dove riunirvi lapidi e monumenti per distinti cittadini e sepolcri di famiglia, e vasto a raccogliere tutte le spoglie dei trapassati”; si destina all’opera la somma di L. 1.300.000. Nel giugno 1839, su venticinque progetti, vengono dichiarati lodevoli quelli dell’ architetto Alessandro Sidoli e dell’architetto Giulio Aluisetti; l’Accademia delle Belle Arti preferì quello del Sidoli, ma il Consiglio Comunale dichiarò decaduto il concorso e anzi, nel 1844, affidò all’ Aluisetti l’incarico di presentare un nuovo progetto.

Viale principale del Monumentale (Cartolina dalla collezione di Bruno Abagallo)

Viale principale del Monumentale (Cartolina dalla collezione di Bruno Abagallo)

Abbandonato, o meglioaccantonato il problema, a causa degli avvenimenti politici del 1848, fino alla definitiva liberazione di Milano del 1859, il nuovo clima politico spingeva a rivedere le decisioni prese sotto un governo straniero e il 17 novembre 1861 fu pubblicato il bando di un nuovo concorso. Finalmente il 22 dicembre 1863, il Consiglio approvò definitivamente il progetto dell’Architetto Carlo Maciacchini, in seguito anche incaricato di dirigere i lavori.

Ancora erano in corso i lavori per la recinzione dell’area e lo spianamento del terreno e la costruzione degli edifici frontali, che si palesava subito la insufficienza del Monumentale per il seppellimento di tutti i morti di Milano. La città andava prendendo un vertiginoso sviluppo e vedeva accrescersi rapidamente la sua popolazione. Furono riaperti nel 1875 i vecchi cimiteri e venne costruito ed aperto nel 1895 il nuovo grande cimitero a Musocco. Il Monumentale fu riservato allora per le sepolture a perpetuità; da tale norma limitativa derivò anche, gradualmente, un maggiore impegno artistico nei monumenti funebri. Scultori come Vincenzo Vela, Giuseppe Grandi, Medardo Rosso, Adolfo Wildt, Arrigo Minerbi, Giacomo Manzù, per non citarne che alcuni, vi lasciarono importanti testimonianze della loro arte, tanto da poter definire il cimitero oltre che il più grande, il più completo museo della scultura lombarda degli ultimi cento anni, mentre le mille e più edicole o cappelle di famiglia ci danno un interessante materiale per la storia dell’architettura di un intero secolo.

Tomba di Alessandro Manzoni nel Famedio, foto di Marco Restano

Tomba di Alessandro Manzoni nel Famedio, foto di Marco Restano

Carlo Maciacchini, nato a Induno nel 1818, progettò e costruì il suo cimitero in uno stile eclettico-bizantineggiante che fu elogiato dai suoi contemporanei per l’originalità e l’eleganza della concezione, ma fu assai spesso criticato per la mancanza di stile. Il Monumentale, accogliendo solo sepolture a perpetuità, comprende anche una sezione, il Famedio, edificio centrale, atta a ricordare i cittadini più illustri e meritevoli della storia e cultura milanese, primo fra tutti il grande scrittore Alessandro Manzoni.

Questa sorta di Pantheon Meneghino accoglie altresì le spoglie mortali di Carlo Cattaneo, Carlo Forlanini, Achille Mauri, Cesare Correnti, Amilcare Ponghielli, Tommaso Grossi, Giuseppe Rovani, Girolamo Induco, Delio Tessa e un altro sparuto manipolo di grandi personaggi. Un museo all’aperto abbiamo detto, della scultura lombarda dei tempi a noi più vicini, ma anche, e duole dirlo, dei più ignorati e misconosciuti dell’intera città, tant’è che il Monumentale è più noto ed apprezzato dai turisti stranieri che non dai Milanesi. Noi perciò abbiamo deciso di dedicargli un capitolo della nostra dissertazione, in quanto il Monumentale costituisce un momento fondamentale per la comprensione dello spirito Art Nouveau che infonde tutta Milano della sua attuazione sostanziale. L’esposizione iconografica dell’architettura e la spicciola indagine nel campo delle arti applicate, che abbiamo fin qui svolto, rimarrebbe come un semplice fatto estetico se non cercassimo adesso di inquadrare il momento Liberty nel suo logico ambito storico ambientale. E’ proprio attraverso l’esame attento delle sculture celebrative del Monumentale, avendo esse meno legami che non l’architettura con le esigenze del vivere quotidiano, che noi possiamo cogliere tutti gli indizi e i germi che ci portano alle radici di quello che fu espressione di un gusto piuttosto che una moda o una scuola precostituita.

Vista di scorcio delle sepolture del Monumentale (Cartolina dalla collezione di Siro Battisti)

Vista di scorcio delle sepolture del Monumentale (Cartolina dalla collezione di Siro Battisti)

Ciò che nessuno ha ancora sufficientemente evidenziato è il legame esistente tra il Liberty, la cui stagione canonica deve essere circoscritta fra il 1885 e il 1906, e quel ben più vasto movimento che si volle definire Decadentismo. Esempi come quelli di Palazzo Bagatti Valsecchi o il Vittoriale di D’Annunzio ci introducono nel clima giusto più di quanto non ci sia dato di credere. Il Liberty fu il frutto contemporaneo di tante ribellioni alle costrizioni, prive di fantasia, del positivismo imperante di fine Ottocento, così come avvenne per il Romanticismo nei confronti del Classicismo, un voler affermare la propria identità creatrice nella ricerca di nuove formule, nuove concezioni estetiche e soprattutto nuove tecniche e nuovi materiali. Il Simbolismo in letterature e l’Impressionismo in pittura sono i diretti progenitori del Liberty che prese dal primo il gusto della sinsestesia per tradurla in un compenetrarsi di categorie estetiche organiche con la più concreta durezza della praticità e della comodità del vivere, dando vita ad un linguaggio abitativo plastico e dinamico al tempo stesso; mutuando poi dall’Impressionismo le luci i colori ed il senso di contemporaneità e storicità da esso espressi. Il Cubismo , analitico o sintetico, il Divisionismo, la Pittura Metafisica, il Déco, il Bauhaus e non ultima la cultura dell’oggetto e del design vi sono intrecciate in modo spesso inscindibile e traggono dall’assunzione o dal rifiuto degli stilemi Art Nouveau la loro stessa ragione di vita. Il Liberty imprime una svolta di gusto alla statuaria del Monumentale,si denota come l’espressione artistica più idonea all’affermazione di quei valori, derivati dalla ricerca del trionfalismo borghese di lasciare imperitura memoria di sé, di cui le tombe intendono dare testimonianza. Fino a quel momento la preparazione veristica degli scultori li induceva a rappresentare personaggi in atteggiamenti e costumi realistici. La figura più ricorrente in queste rappresentazioni è la donna o la fanciulletta che giunge a spargere fiori sulla tomba: ma non la figura angelica che il Simbolismo spirituale e cattolico adotterà come emblema di vita ultraterrena o di sopravvivenza dell’anima, o di persistenza dei valori ideali oltre il disfacimento dei corpi. La grande statua giacente, che nel 1891 Enrico Butti prepara per la tomba Casati-Brioschi, costituisce una prima modifica dell’iconografia funeraria.

La rappresentazione è ancora legata ai canoni della verosimiglianza traducendo nel bronzo l’immagine di una giovane donna sul letto di morte; ma vengono declinate insieme le convenzioni del ritratto e quelle dell’immediatezza illusionistica: intorno al capo della giovinetta appena spirata un rilievo aureolato ci introduce nel regno della simbologia ultraterrena. Anche lo stile del monumento ha una leggerezza che lascia presagire le prossime profonde trasformazioni del gusto. La formula più diffusa nella scultura simbolistica cimiteriale è quella volta alla rappresentazione del distacco dell’anima dalle spoglie mortali, del trasfigurarsi della persona nel momento del trapasso. In questa direzione il raggiungimento di più inquietante spiritualismo è quello ottenuto da Leonardo Bistolfi nella statua intitolata “Il Sogno” per la tomba Cairati-Vogt: la figura femminile colta in uno stato di semincoscienza estatica, con gli occhi appena socchiusi, levitante in un turbine di veli dentro i quali si raccoglie come in una conchiglia, sembra sottolineare l’ambigua soglia che divide realtà e parvenza.

Tomba Erminia Cairati Vogt, foto di Erminio Bottura

Tomba Erminia Cairati Vogt, foto di Erminio Bottura

In armonia con questa concezione, alla quale è estraneo ogni riferimento veristico, Bistolfi elimina l’uso della rappresentazione dell’abbigliamento alla moda e adotta per “Il Sogno” una tipologia già diffusa da noi nella pittura di Segantini e Previati: quella delle figure femminili ricoperte da ampie e fluttuanti tuniche, sotto le quali i corpi perdono consistenza materiale. Questa tipologia trova veicolo stilistico appropriato nel gusto floreale-Liberty, che sottolinea gli andamenti ritmici delle figure, annodandoli in sequenze continue, imprime loro la levitàdi esseri incorporei e consente di spezzare qualsiasi rapporto residuo col verismo. E’ ben vero tuttavia che la sensibilità Liberty, con il suo formalismo edonistico, recupera carnali voluttà attraverso il compiacimento sensuale dele membra emergenti dai veli: se il sogno di Bistolfi trasfigura al massimo gli aspetti materiali delle immagini, nella norma delle rappresentazioni d’impronta Liberty giocano sull’ambiguo fascino di personaggi femminili dalla struttura sinuosa, dove il vitalismo modernista si incontra e mescola con le tematiche della morte. Si veda l’uso che di questo repertorio iconografico e stilistico fa Michele Vedani, il cui capolavoro è proprio il gruppo scultoreo “Ultimo Bacio” della tomba Riboni-Bonelli: impostato sulla vibrante tensione delle ali angeliche che chiudono le figure in un disegno morbido e sfocato.

In realtà lo stile Liberty contribuisce a togliere al tema del distacco l’acerbità dello strazio e all’immagine del dolore lacerante sostituisce di norma quella di una soffusa malinconia, che sfuma in qualche caso nel respiro della speranza. E tuttavia, proprio per essere stato largamente impiegato nella statuaria cimiteriale in un momento in cui essa, come si è detto, conosceva un enorme sviluppo, il Liberty ha finito con l’essere identificato come lo stile adatto a rappresentare i concetti della morte e del pianto. A ben vedere non soltanto il Liberty come tal, ma il simbolismo in senso lato, dentro il quale il Liberty si pone come momento di maggiore caratterizzazione stilistica, danno interpretazioni del rapporto morte-vita spesso edificanti e consolatrici.
Monumenti appartenenti all’assunto Art Nouveau del nostro discorrere sono parecchi negli spazi del cimitero, con una certa concentrazione numerica nei campi a ridosso dell’ingresso, come logica vuole i primi a essere utilizzati per le sepolture, che accolgono le tombe realizzate negli anni di massima espansione del Liberty, lo stile viene coniugato nei più disparati modi e concetti del gusto imperante e nell’abilità trasfiguratrice degli artisti coinvolti nei vari progetti tanto che riesce difficile evidenziare dei soggetti che abbiano maggiore dignità rappresentativa rispetto ad altri, ciononostante ne forniamo un succinto elenco in modo da invogliare una visita consapevole.

Riparto I
Monumento Bocconi n° 173 Architettura realizzata da Giuseppe Boni con sculture di Orazio Grassoni nel 1913 , una realizzazione grandiosa che non ha specifici caratteristiche del Liberty ma testimonia l’attitudine di molti architetti del periodo al recupero del linguaggio classico. Sopra una base quadrata di 7 metri di lato 4 colonne si elevano fino ad un’altezza di 20 metri e reggono un quadrilatero che reca scolpite le allegorie della speranza, del dolore, della maternità, della rassegnazione e della religione.

Monumentale di Milano Edicola Bocconi (1913); Arch. Orazio Grossoni

Monumentale di Milano Edicola Bocconi (1913); Arch. Orazio Grossoni

Riparto II
Tomba Mayer n° 155 del 1910 di Giannino Castiglioni.
Edicola Tavella n° 176 sculture di Enrico Cassi.
Edicola Reyna n° 190 Ideata dallo scultore Roberto Greter e realizzata tra il 1907 e il 1909 con sculture in bronzo che ricalcano la linea del Bistolfi:Intrecci di fiori e spine incorniciano una fanciulla portata in cielo da un angelo e una donna dolente, figure dal forte simbolismo, pregevole poi il design stilizzato del cancello in ferro battuto. La parte architettonica si caratterizza con una forma tronco piramidale che si ripete spesso in altre tombe coeve.
Edicola Baj n° 192 realizzata tra il 1905 e il 1909 dall’ingegner Cesare Nava e dallo scultore Antonio Carminati. La grande arca, memore di storici accenti monumentali , reca sculture dalla forte plasticità che infondono vigoria all’insieme architettonico. Si noti come i diversi materiali utilizzati quasi concorrano a formare un campionario di pietre: il granito utilizzato nello zoccolo, la pietra simona nel basamento, i marmi multicolori delle colonnette ed il sarcofago in marmo bianco di Carrara.
Edicola Passoni n° 203 realizzata dagli architetti Francesco Carminati ed Enrico Guassalli nel 1907
Edicola Verga n° 204 sempre del 1907, architetto Guido Pirovano che presenta sculture di Emilio Busetti e e ferri battuti di Alessandro Mazzucotelli.

Reparto IV
Tomba Baj-Macario n° 78/79 e Tomba Giuseppina Macario n° 80 di Eugenio Pellini, 1893, nella prima sepoltura un angelo dolente dispiega a corna le sue ali fra una cascata di fiori realizzati in bronzo, il gesso di quest’opera fu poi presentato dal Pellini stesso alla seconda biennale di Brera, nella tomba della giovane donna ritroviamo il tema dei fiori, questa volta in marmo di Carrara.
Tomba Riboni n° 82 di Michele Vedani ,L’ultimo bacio, del 1907.
Edicola Dell’Ovo n°83 arc. Francesco Secchi e sculture di Luigi Secchi, 1912. Tre statue che raffigurano la Meditazione sul mistero della Morte, quella posta al centro, a sinistra il dolore muto, a destra il pianto.
Tomba Crespi n° 84 di Ernesto Bazzaro il cui gruppo scultoreo si intitola Eredità d’affetti e rappresenta in chiara chiave simbolista il ciclo emozionale della natura umana.

Monumento Izar (Cartolina dalla collezione di Roberto Bagnera)

Monumento Izar (Cartolina dalla collezione di Roberto Bagnera)

Monumento Izar n° 86 realizzato da Felice Bialetti nel 1904 , la composizione in bronzo inititolata Fede è sospesa tra il realismo della figura femminile e la drammaticità dei corpi racchiusi nel sudario.
Edicola Beaux n° 89 del 1901 di Ulisse Stacchini con decorazioni in ferro battuto di Alessandro Mazzucotelli. Interessanti motivi di finestre a bifora in forma di croce e la decorazione in bronzo raffigurante serti d’alloro che nascono dalla pietra e si rinserrano poi negli incavi del portale.
Edicola Carcano n° 92
Tomba Castiglioni n° 142 di Ernesto Bazzaro che con inventiva ed originalità dispiega i consueti temi del suo aggraziato verismo.

Reparto V
Edicola Branca
n° 82 del 1900 dell’architetto Giuseppe Boni, il gruppo scultoreo La Pietà di Michele Vedani, fu posto nel 1912 in sostituzione di una precedente scultura di Ernesto Bazzaro con figura femminile, rimossa perchè giudicata sconveniente.
Monumento Squadrelli n° 84 realizzato nel 1911 da Ernesto Bazzaro, il complesso scultoreo dal titolo “La resurrezione di Lazzaro” rivela un titanismo post Scapigliatura che traduce l’ansia di far grande del tardo Liberty.
Tomba Casati-Brioschi n° 86 di Enrico Butti, 1890, che ben esemplifica il passaggio dal Verismo al Simbolismo del Floreale.

Reparto VI
Monumento Besenzanica n° 127 detto “Allegoria del Lavoro” realizzato nel 1912 da Enrico Butti, che coniuga le spinte del Verismo , rappresentate dalla scelta sociale della rappresentazione del lavoro con gli assunti del verbo simbolista attraverso il contatto degli aratori con la natura, rappresentando così il concetto che dalla morte si può rigenerare la vita.
Edicola Pierd’Houy n° 128, realizzata tra il 1900 e il 1901, opera dello scultore Primo Giudici che recupera anche parte di una precedente sepoltura di famiglia, inglobandola in una struttura stilisticamente non connotabile ma sicuramente eclettica come altri esempi coevi e di sicuro impatto per il senso di forte misticismo del disegno generale.

Riparto VII
Edicola Viganò n° 169 Di Carminati e Gussalli, 1905, con bronzi di Cesare Ravasco. La tipica struttura tronco piramidale che più volte si ripete nelle sepolture del Monumentale

Particolare dell'Edicola Toscanini, foto di Raymond DeJong

Particolare dell’Edicola Toscanini, foto di Raymond DeJong

Edicola Toscanini n° 184 realizzata nel 1911 da Leonardo Bistolfi si ispira ad una chiara matrice di area tedesca, Klimt e Gysis fra gli altri, ed incastona in una forma solenne e monumentale, con un andamento a nastro continuo, tipico degli stilemi Liberty, delle sculture incise su temi allegorici relativi alla vita di Giorgio, morto all’età di 4 anni, figlio del grande maestro Arturo.
Edicola Giudici n° 190 del 1906 di Paolo Mezzanotte. La scelta degli impianti stilistici del Liberty floreale è rigorosa,notevole la lunetta in mosaico a fondo dorato, opera della ditta Salviati di Venezia. L’intreccio di rose in fiore e di rami appassiti vuole alludere al vincolo che unisce spiritualmente i memori ed i defunti.

Riparto IX
Edicola Croci n° 545 realizzata negli anni 1913-1915 dall’ingegner Attilio Volpi, noto per essere detentore di un brevetto per l’applicazione del cemento armato,con sculture in bronzo di Alfonso Mazzucchelli.: la figura femminile che si abbandona esanime fra le braccia di una donna soccorritrice rappresenta la moglie del Croci, avvelenata da un pazzo, raffigurato in ginocchio a simboleggiare il genio del male. Sul portale un gruppo di soldati in un bosco di rovi che simboleggia i dolori e le tragedie del vivere.

Riparto XI
Edicola Origgi n° 227 di Giuseppe Boni del 1905, è l’edificio che dal punto di vista architettonico meglio rappresenta lo stile modernista, gli archi interrotti da linee parallele, la semicupola tagliata a chiglia, i fiori collocati a far parte integrante della struttura, sono tutti elementi secessionisti-Liberty tipici e riconoscibili.

Edicola Origgi

Edicola Origgi

Reparto XIV
Tomba Casalbore n° 390 del 1912 Cinerario di Levante
Monumento Cairati-Vogt n° 176 “Il Sogno” del 1900 del maestro casalese Leonardo Bistolfi. Rialzato B di Levante
Tomba Suffert n° 33-34 del 1910 di Alfredo Sassi, esempio coerente ed elegante caratteristico di un Liberty in accezione floreale milanese di cui il Sassi, unitamente al Boninsegna è l’esponente più indicativo. La struttura in granito di Biella è dominata dal coro di angeli musicanti , in bronzo, che volteggiano su un tappeto di lussureggianti ireos.
Sicuramente questo nostro percorso non ha voluto, e potuto, essere esaustivo, tali e tante sono le tracce dello stile Liberty nelle sepolture del Monumentale, ma se solo ha incuriosito e spinto anche solo uno di voi lettori ad una visita di questo insostituibile museo a cielo aperto, il nostro obiettivo può dirsi a buona ragione raggiunto.
(Estratto dal blog e “Milano Liberty” ed. Selecta)

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>