Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Domenico Pasi

Domenico Pasi

DOMENICO PASI
(1892 – 1923)

 

Pittore e decoratore, Domenico Pasi nasce a Lugo il 19 aprile 1892. Studia alla Scuola Comunale di Disegno di Lugo diretta dal pittore Domenico Visani. S’introduce nella cerchia di Pratella e a Firenze, allievo dell’Accademia di belle arti nel 1916, frequenta il gruppo futurista fiorentino e lo studio di Emilio Notte. La sua adesione futurista, entusiasta e focosa, lo spinge a partecipare a mostre e a manifestazioni. Forse di quell’anno è una mostra a tre (con Vespignani e Margotti) allestita a Firenze e da Pasi stesso promossa (da una testimonianza verbale di A. Margotti a S. Babini). Nel settembre 1915 espone alla Mostra di arte e beneficienza di Faenza. In catalogo (ai numeri 111 e 118-120) appaiono quattro sue opere: Nevicata, Motivo di primavera, Effetto lunare e Bozzetto. Ma è all’Esposizione interregionale d’arte di Lugo del settembre 1917 che espone veri tentativi futuristi. Tra le ventidue opere presentate sollevano attenzione le due chiamate Figura – sedile nella continuità dello spazio + luce e Bottiglia + bicchiere + luce. Ci sono poi opere significativamente indicate come “sintesi lineari”: Paesaggio, Ballerina e Nuotare. Nel 1919 partecipa con due tele alla Grande esposizione nazionale futurista alla Galleria Centrale d’Arte a Palazzo Cova di Milano (che poi si trasferisce a Genova e alla Pergola di Firenze): le due opere sono ai numeri 247 e 248 del catalogo con i titoli Scomposizione (Natura morta) e Scomposizione di una testa. Nell’inverno del 1921 fa parte del comitato organizzatore della Mostra d’arte futurista e d’avanguardia di Ravenna, dove tuttavia non appare in catalogo come espositore. Frattanto, nel settembre 1919, ha fatto esplodere assieme a Virgilio Ricci un caso cittadino che testimonia del fermento futurista in atto. Stava iniziando a Lugo la stagione lirica quando tra i due pittori e l’amministrazione comunale scoppia una violenta diatriba. I pittori dovevano approntare un fondale per il palcoscenico del teatro: il Comune reclamava che fosse intonato allo stile della platea, disegnata dal celebre architetto bolognese Antonio Galli (Bibiena) mentre Pasi e Ricci pensavano a una composizione di fantasia. Il diverbio tiene banco sulla stampa locale con botte e risposte. Del 20 settembre 1919 è un volantino intitolato Ad un sindaco insolente nel quale Pasi e Ricci attaccano il sindaco con rabbia “futurista”. Uno storico locale ricompose la questione dimostrando che la struttura del Bibiena era in realtà un rifacimento di primo Ottocento. Scompare a Lugo il 21 agosto 1923.

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte. arte.comune.lugo.ra.it

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>