Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Antonio Tagliaferri

Antonio Tagliaferri

Di on ott 14, 2018 in Progettisti | 0 commenti

ANTONIO TAGLIAFERRI
(1835 – 1909)

 

Figura di spicco nella cultura bresciana della seconda metà dell’ ottocento e protagonista indiscusso dell’ attività architettonico – urbanistica e culturale della città per più di quaranta anni fino alla morte. Fu architetto molto prolifico, disegnatore e pittore molto apprezzato, noto e stimato ben oltre il suo luogo di origine, membro onorario di istituti culturali e in commissioni giudicatrici di diverse città italiane. Frequentando l’ Accademia di Brera viene a contatto con i massimi esponenti del momento fra i quali Camillo Boito, G. Visconti Venosta, De Cristofori…Nel frattempo coltiva la pittura con una serie di quadri vicino alle opere di Mosè Bianchi da lui conosciuto a Brera., li espone ottenendo menzioni ed entrando a far parte di tutte le commissioni artistiche e culturali del comune di Brescia. Tra i suoi progetti la sistemazione della facciate del Teatro Grande e portici , della Loggetta e Monte di Pietà, il recupero della carena a copertura della Loggia.
Ma l’ opera più significativa resta il nuovo Santuario delle Grazie eseguito sia nei lavori murari che pittorici e decorativi, fino ai più minuti particolari come i banchi, i candelabri, le acquasantiere lasciando il più riuscito esempio di ricostruzione in stile e servendosi di collaboratori come il Faustini e Bertolotti. Nel gusto del neogotico riveste il soffitto di azzurro e stelle dorate, soluzione che verrà adottata anche nel restauro della chiesa di S. Cristo.
Dopo tanti progetti e monumenti come quello a Garibaldi, Tito Speri, Moretto, Nicolo Tartaglia, G. Zanardelli partecipa a concorsi nazionali come a quello dell’ Altare della patria o Vittoriano di Roma con la soluzione ripresa poi dal Sacconi, entra nella commissione per Palazzo di Giustizia di Roma e concorre per la facciata del Duomo di Milano e per il monumento alle Cinque Giornate. Qui opera nella zona del Castello e via Dante e Cordusio per case private, come poi farà a Brescia col Palazzo Martinengo ora Pinacoteca, casa Ducos… il castello Bonoris di Montichiari. Impossibile citare le opere nuove e i restauri in edifici sacri, le opere tombali, i monumenti per non citare le arti minori come i mobili, le cancellate, il cosiddetto design, fino a testate di periodici, cartoline, vessilli… Come acquerellista partecipa a mostre legandosi in amicizia con Guidoni, Pezzoli, Bertolotti, Faustini, Manziana.
Muore il 22 maggio 1909. Anima veramente francescana egli fu sempre in ogni istante della sua vita, perfettamente sereno e buono, per i giovani artisti fu prodigo di conforti e incoraggiamenti e li sostenne, purchè lavorassero.” Rimane il più significativo interprete a Brescia del repertorio eclettico del secondo ‘800″.

 

Bibliografia
Ruggero Boschi, L’Eclettismo bresciano: Antonio Tagliaferri architetto (1835-1909) in Brescia 1876-1913. Atti del VI Seminario dei beni culturali, Brescia, 1985.
Valerio Terraroli, Disegni d’archivio negli studi storici: il caso bresciano di Antonio e Giovanni Tagliaferri e Luigi Arcioni in Il disegno di architettura. Atti del Convegno di Milano, Milano, 1989.
Valerio Terraroli, Il Santuario delle Grazie a Brescia e il Castello Bonoris a Montichiari: neogotico sacro e neogotico cortese a confronto in Il Neogotico nel XIX e XX secolo. Atti del Convegno di Pavia, Milano, 1989.
Valerio Terraroli, Antonio e Giovanni Tagliaferri due generazioni di architetti in Lombardia tra Ottocento e Novecento, Brescia, 1991.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>