Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Menu Navigazione
Achille Calzi

Achille Calzi

ACHILLE CALZI
(1873 – 1919)

Nato in una famiglia di maestri maiolicari fa­entini, nel 1908 ebbe la cattedra di disegno d’ornato presso la scuola d’arte e mestieri di Faenza, insieme con la direzione della Pina­coteca Comunale. I suoi molteplici interessi lo portarono a viaggiare in Francia e Inghil­terra e a intrattenere relazioni con artisti e letterati tra i quali si posso ricordare Marcel­lo Dudovich, Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Adolfo De Carolis, Giosuè Carducci, Gabriele D’Annunzio. Per un breve periodo ebbe la direzione artistica della Fabbriche Ceramiche Riunite di Faenza (cat. 162), con­dusse uno studio di pittura e decorazione ed elaborò progetti per le più importanti bot­teghe faentine; in particolare disegni di mo­bili per la Società di ebanisteria Casalini e di ferri battuti per la ditta Matteucci. Mobili e ceramiche di sua creazione furono premiati all’Esposizione ravennate del 1906, mentre in occasione dell’Esposizione di Roma del 1911 gli furono affidati la progettazione e la dire­zione dell’“Angolo di Faenza antica”, per la sezione etnografica della mostra. Nel 1914, infine, diede vita a un proprio labo­ratorio-bottega per la lavorazione e la vendi­ta di prodotti ceramici, improntati a un certo eclettismo che si ricompone nel linguaggio modernista con nette suggestioni seces­sioniste, come nel Piatto con Gorgona (cat. 189), nel quale un inquietante volto alato sovrasta sinuose spire di serpenti, delineate con colori accesi a campiture nette. Pur dedicandosi prevalentemente alle arti applicate non tralasciò del tutto l’interesse per la pittura e per la grafica (cat. 66): ol­tre ad alcuni ritratti (Bambino A. Verzellini, 1898; due ritratti dello scrittore faentino A. Oriani, tra 1913 e 1915) e a decorazioni di sale pubbliche o di padiglioni espositivi, si ricorda l’Esposizione Nazionale d’Arte, da lui orga­nizzata a Faenza nel 1915 a scopo benefico, con opere di alcuni dei più importanti artisti del tempo, tra i quali la prima versione de La guerra di Previati.

 

BIBLIOGRAFIA: GC. Bojani, Calzi, De Carolis, Nonni: grafica liberty, catalogo della mostra, Rio-lo Terme 1984; Momenti del liberty in Italia, a cura di F. Solmi, catalogo della mostra (Correggio, Palazzo dei Principi, 1986-1987), Casalecchio del Reno 1986. G. Fanelli, E. Godoli, Dizionario degli illustratori simbolisti e art nouveau, Firenze 1990. Romagna Liberty, a cura di A. Speziali, Maggioli editore, Santarcangelo 2012. Testo tratto da: Aa. Vv. Liberty, uno stile per l’Italia moderna, Silvana editoriale, Cinisello Balsamo 2012

Giulio Sommariva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scrivi Risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>